Marò italiani all’estero, Corte Suprema fissa per 28 marzo udienza ricorso

Italian marines Massimiliano Latorre (R) and Salvatore Girone (L) arrive at Ciampino airport near Rome, on December 22, 2012.An Indian court allowed two Italian marines awaiting trial for shooting two fishermen to go home for Christmas, despite prosecution fears that they will not return. The marines shot dead the fishermen off India's southwestern coast near the port city of Kochi in February while guarding an Italian oil tanker, but they deny murder on the grounds that they mistook their victims for pirates. AFP PHOTO/ VINCENZO PINTO

Il ricorso presentato dai Fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone contro l’utilizzazione nei loro confronti della polizia antiterrorismo Nia sara’ esaminato dalla Corte Suprema indiana il prossimo 28 marzo. E’ quanto emerge dal calendario delle udienze pubblicato sul sito ufficiale dell’organismo. Fra le richieste presentate nel ricorso alla Corte, vi e’ anche l’autorizzazione ad attendere in Italia l’inizio del processo.

Ad occuparsi dal ricorso presentato dai due fucilieri di Marina sara’ la sala 4 della Corte, presieduta dal giudice B.S. Chahuan, accompagnato dal giudice J. Chelameswar. Questo tribunale ha in esame, pur non avendo ancora calendarizzato la prossima udienza, anche il ricorso che in gennaio sulla stessa questione ha presentato il governo italiano. Il 24 febbraio scorso in una ordinanza la Corte ha stabilito che, data l’importanza della questione, essa sia trasferita per la prossima udienza ad un tribunale di tre giudici.

Comments