Marò italiani all’estero, Mogherini: ‘fase nuova non breve’. M5S, ‘Renzi peggio di Monti’

La nuova fase avviata dal Governo sul caso dei marò, con l’avvio della procedura internazionale, "non e’ ne’ semplice ne’ breve". Lo ha ribadito il ministro degli Esteri Federica Mogherini al question time alla Camera sottolineando che, pero’, "e’ la strada su cui tutto il Parlamento, con sostegno unanime e convinto, ha impegnato il governo a procedere: noi continueremo a lavorare con convinzione su questa strada sperando di riportarli il prima possibile" a casa.

"Io e il ministro alla Difesa Pinotti poco fa abbiamo parlato al telefono con i due fucilieri di marina per condividere con loro tutti i passaggi della fase nuova che si e’ aperta", ha detto ancora Mogherini, spiegando che "non sempre diamo pubblicità" dei contatti con i due maro’.

M5S, “RENZI PEGGIO DI MONTI” "Renzi chiede il silenzio stampa sui maro’ ma continua a immaginarli come due piccoli trofei elettorali. La verita’ e’ che al momento sta riuscendo persino a fare peggio del governo Monti. Provi, fin quanto puo’, a salvare la faccia. E li riporti a casa per il voto com’e’ accaduto nel febbraio 2013". Lo hanno affermato i deputati M5S delle Commissioni Esteri e Difesa, a poche ore dal question time in cui "chiederemo al governo di spendersi proprio per il rientro dei nostri due maro’ in occasione delle elezioni europee".

Secondo i 5 Stelle "la farsa sull’internazionalizzazione recitata dal ministro Mogherini, tenuta guarda caso proprio mentre l’ambasciatore de Mistura veniva silurato in pompa magna, consegnano a questo e ai governi precedenti il premio dell’inconcludenza". "Il 25 maggio – concludono i parlamentari M5S – vogliamo riaverli in Italia, altrimenti qualcuno, a cominciare dal ministro degli Esteri, dovra’ cominciare a fare un passo indietro, per amor del popolo".

NESSUN COMMENTO

Comments