Marò italiani all’estero, Camera: dall’Europa viva indignazione per loro vicenda

"Il presidente della Commissione Esteri e Difesa del Parlamento ellenico, che esercita la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea, e i presidenti delle Commissioni dei Paesi che l’hanno esercitata nei precedenti tre mandati (Cipro, Irlanda, Lituania), nonché del Parlamento europeo, si sono associati ai Presidenti delle omologhe Commissioni del Parlamento italiano nell’esprimere viva indignazione in merito alla vicenda giudiziaria che sta trattenendo in India da oltre due anni i due fucilieri di Marina italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone". Lo rende noto l’ufficio stampa della Camera dei Deputati.

L’occasione per tale dichiarazione, rende ancora noto la Camera, è stata oggi ad Atene una riunione preparatoria della Conferenza interparlamentare sulla politica estera, di sicurezza e difesa dell’Unione europea che si svolgerà all’inizio di aprile sotto presidenza greca, in cui l’Italia è stata rappresentata dal Presidente della Commissione Difesa della Camera dei deputati, Elio Vito.

"I parlamentari dei diversi Paesi europei hanno sottolineato di ritenere inaccettabile che militari in servizio possano essere accusati ai sensi della normativa anti-terrorismo ed anti-pirateria – si legge ancora – Nell’associarsi alle preoccupazioni già espresse dal Presidente della Commissione europea, Barroso, e dall’Alto Rappresentante, Ashton, circa le ripercussioni prevedibili nell’operatività del contrasto internazionale della pirateria, tutti i parlamentari riuniti ad Atene hanno espresso l’auspicio di una tempestiva soluzione del caso nel pieno rispetto del diritto internazionale e dei diritti fondamentali dei due militari italiani, affinché essi siano al più presto restituiti alle loro famiglie".

Comments