Manovra, Santori (PdL): Tagli inaccettabili, via furbi e privilegi casta

©Mauro Scrobogna / Lapresse 11-07-2005 Roma Politica Camera - Assise dei Consigli Regionali Nella foto: Panoramica dell'Aula di Montecitorio durante l'Assise

“Apprezziamo il primo segnale lanciato dal sindaco Alemanno, che rimetterà la delega all’anagrafe: importante, ma ancora molto dobbiamo pretendere dal Governo sui temi economici della manovra. Roma Capitale non può accettare tagli che impedirebbero di amministrare lasciando spazio a disservizi e caos indegni di un Paese civile. Se il Governo non cambierà rotta sarà il momento di riflettere su scelte coraggiose rimettendo tutte le deleghe nelle mani del Sindaco e sciogliendo l’assemblea capitolina”. Lo dichiara in una nota il consigliere di Roma Capitale Fabrizio Santori (Pdl), a proposito dell’acceso confronto sulla manovra finanziaria. 

“La protesta rischia di rimanere senza risultati concreti se non si riuscirà a cambiare il provvedimento puntando ad azzerare subito gli sprechi, primi fra tutti quelli della classe politica, e a colpire maggiormente l’evasione fiscale inserendo normative severe mirate a prevenire i reati e costringendo ognuno a pagare il dovuto. Agitare lo spettro del carcere serve a poco, se il rischio di essere ‘pizzicati’ resta sempre troppo basso. Questa manovra, così com’è, allontana la politica dai cittadini e mortifica l’economia, aumenta le tasse per chi le paga, mentre  i furbi continuano a farla franca e la casta della  politica resta a sguazzare nei privilegi”.

NESSUN COMMENTO

Comments