Manovra, Guerra e pace ad Arcore – di Margherita Genovese

Ad Arcore va in onda l’ultima puntata di "Guerra e pace" (tra governo ed elettori): la manovra lacrime e sangue va in soffitta. Sono tutti contenti all’uscita dal summit: tutto ok, per Tremonti, per Bossi e Berlusca che hanno trovato la quadra, e di conseguenza per i frondisti del Pdl, per i piccoli comuni risorti, per i tartassati della solidarieta’, per gli scampati dall’Iva, per i pensionati prossimi venturi. E in fondo siamo contenti anche noi, che tutto sia finito a tarallucci e vino, che, passato Ferragosto, il solleone  abbia ceduto il passo ad un clima più gradito ai cittadini: resta da vedere cosa ci portera’ la vendemmia di settembre e quale saldo potra’ essere presentato alla scettica Europa dopo che la montagna ha partorito il topolino. Non siamo esperti economisti ne’ grandi uomini di Stato, e nel nostro pallottoliere i conti non tornano: ma forse non sono tanto i conti che devono tornare, quanto gli elettori annegati nel mare delle mille versioni e revisioni in quest’estate bizzarra tra crisi vere e manovre  bugiarde.

NESSUN COMMENTO

Comments