Maltempo, nubifragi da Nord a Sud: tregua sul Gargano

Il maltempo da’ una tregua sul Gargano ma non in altre parti d’Italia, dal Nord-Est alla Puglia meridionale, e l’allerta-meteo per questo inizio di settembre resta in piedi. E’ di 77 milioni di euro il fabbisogno che ha Regione Puglia ha fatto presente al governo dopo l’alluvione che ha colpito ampie zone del Gargano. Lo ha riferito il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, al termine di una riunione da lui presieduta a Roma e alla quale hanno preso parte, fra gli altri, il capo dell’Unita’ di Missione di Palazzo Chigi per il contrasto al dissesto idrogeologico, Erasmo D’Angelis, il sottosegretario Ivan Scalfarotto e alcuni esponenti del governo regionale pugliese, guidati dal presidente Nichi Vendola.

Dei soldi richiesti, 50 milioni sara’ possibile reperirli "da una riprogrammazione – ha spiegato Galletti – dei fondi gia’ della contabilita’ speciale del commissario, che oggi e’ il presidente della Regione, per gli interventi in Puglia che non sono stati ancora impegnati. Poi c’e’ l’impegno del ministero nella riprogrammazione dei fondi europei a rifinanziarli". Lo stato di emergenza, invece, sara’ dichiarato "non appena la Regione e gli enti locali avranno rendicontato i danni prodotti dall’alluvione". Riunione "produttiva", quella di Roma, ha commentato il ministro; piu’ severo il giudizio di Vendola, che l’ha definita "interlocutoria".

"Sono stati assunti alcuni impegni – ha detto il governatore Vendola – che devono essere tradotti nella dichiarazione di stato di emergenza e calamita’. Vogliamo sapere esattamente quali saranno le risposte alle questioni proposte a questo tavolo". Vendola ha auspicato che "la settimana prossima, su richiesta della Regione, ci sia una convocazione a palazzo Chigi con un sottosegretario alla presidenza del Consiglio e con interlocutori fondamentali". Ma mentre a Roma si parlava del disastro sul Gargano, un nubifragio ha scosso gran parte del Salento.

A Copertino la pioggia e una tromba d’aria hanno causato il crollo di una parte delle luminarie allestite per i festeggiamenti del patrono della citta’, San Giuseppe, in programma nel pomeriggio. Una delle ‘torri gemelle’, alte 20 metri, e’ crollata ed e’ finita sull’altra, causando il cedimento delle impalcature vicine. Disagi anche in ospedale per le infiltrazioni d’acqua dal soffitto. A Peschiera sul Garda (Verona) un nubifragio di breve durata ma di fortissima intensita’ ha provocato un fiume di acqua e fango che dalle colline si e’ riversato verso le frazioni sottostanti inondando magazzini, garage, scantinati, taverne.

I disagi piu’ pesanti si sono registrati a Broglie e San Benedetto di Lugana. Allagato anche un campeggio nel centro del paese e alcuni punti della strada regionale 11. Un nubifragio ha mandato in tilt la scorsa notte le linee telefoniche nell’isola di Capri (Napoli), nella zona di Marina Grande. Resta l’allerta-maltempo al Centro-Sud per una perturbazione proveniente dall’Europa centrale. Un avviso meteo della Protezione civile segnala anche rischio idrogeologico su Puglia meridionale, Abruzzo, Campania e Marche.