Malan (Fi): “Centrodestra? Indubbiamente un problema c’è”

“Forza Italia non è sparita, la nostra posizione è chiara. Di Maio ha addirittura due ministeri, accoppiata che nessuno ha mai avuto nella storia, forse solo Mussolini”

Lucio Malan, Fi

Lucio Malan, senatore di Forza Italia, replica a Filippo Facci che ha scritto che Forza Italia è sparita: “Non siamo per nulla spariti. E’ chiaro che in questi giorni si presti attenzione a chi fa parte della maggioranza, con i nuovi ministri, nuovi programmi e nuove facce. Ma noi siamo sempre stati presenti, abbiamo fatto una serie di rilievi sul programma e sui problemi che avrà questa maggioranza. Noi saremo quelli che faranno il possibile per portare avanti il programma del centrodestra a favore dell’Italia. E’ evidente che questo programma è stato molto decurtato, ma noi sosterremo il governo nelle riforme contenute nel programma del centrodestra e ci opporremo a ciò che andrà contro l’interesse dei cittadini”.

Sul programma di governo. “Di questo programma non condividiamo diverse parti – ha spiegato Malan parlando a Radio Cusano Campus -. Non condividiamo la chiusura rispetto le infrastrutture. Siamo contrari alla parte che comprime i diritti dei cittadini, siamo contrari a politiche che mettono in pericolo l’economia italiana”.

Sulla Lega. “Ho ricevuto molte telefonate da persone che hanno votato FI e si sono trovati ad eleggere un candidato sull’uninominale che era della Lega. E sono persone molto arrabbiate perché dicono che hanno votato centrodestra per avere il centrodestra al governo. Ma penso che anche chi ha votato Lega non sia felice di ritrovarsi Bonafede ministro della giustizia, di avere Rocco Casalino che va al G7, di avere questo sconosciuto Giuseppe Conte come premier e di avere Luigi Di Maio addirittura al ministero del lavoro e delle attività produttive, accoppiata che nessuno ha mai avuto nella storia, forse solo Mussolini. E anche gli elettori dei 5 Stelle non hanno votato per avere Salvini ministro dell’interno. Centrodestra Indubbiamente al momento un problema c’è”.