Made in Italy, allarme parmesan nei Masterchef all’estero

"Nelle ricette proposte dalla trasmissione Masterchef nei diversi continenti, dall’Australia agli Stati Uniti si parla spesso di Parmesan invece che di Parmigiano Reggiano o di Grana Padano". Lo denuncia la Coldiretti sottolineando l’importanza di rispettare la tradizione produttiva italiana nella popolare trasmissione televisiva che e’ seguita da milioni di spettatori a livello internazionale.

"La cucina – sottolinea la Coldiretti – ha un grande valore culturale ed e’ chiamata a svolgere un valore un ruolo determinante nel difendere far conoscere le tradizioni alimentari e con esse la vera identita’ dei prodotti impiegati. Invece, nei siti ufficiali della trasmissione Masterchef dei diversi continenti, dalle Americhe all’Oceania si fa spesso riferimento a piatti che hanno come ingredienti il Parmesan anche quando fanno esplicito riferimento a ricette italiane. Sul sito ufficiale di Masterchef Australia ad esempio si parla infatti di ‘Pasta con mais, erbe e Parmesan’ e di ‘Risotto al Parmesan con uovo cotto in camicia’ o addirittura di ‘Pomodoro basilico e bruschetta al Parmesan’".

La situazione "non cambia in Usa tra le ricette di Masterchef Usa junior ci sono la ‘Pasta condita con olio di oliva e Parmesan’ o il ‘Pollo al Pamesan’. Siamo di fronte – sostiene la Coldiretti – ad una situazione che alimenta una grave incertezza sulla reale origine dei prodotti utilizzati poiche’ il Parmesan e’ l’imitazione piu’ diffusa del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano nel mondo, con una produzione che solo negli Stati Uniti tra Wisconsin, California e New York arriva a 120 milioni di chili all”anno ma elevati quantitativi si realizzano anche in Australia dove si commercializza addirittura Parmesan con il marchio Perfect italiano, che non ha nulla a che fare con la realta’ produttiva nazionale".

NESSUN COMMENTO

Comments