Made in Italy, +44,1% l’export negli Usa ma -24% in Russia

"Aumento record delle esportazioni Made in Italy negli Stati Uniti dove rispetto allo scorso anno fanno segnare un incremento del 44,1 per cento sotto la spinta del tasso di cambio euro/dollaro favorevole mentre crollano del 24 per cento in Russia, anche a causa dell’embargo". E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento ai dati Istat sul commercio estero nei paesi extra Ue a marzo 2015 che, sotto la spinta della performance realizzata nel principale partner commerciale dell’Italia fuori dalla Ue, registrano un aumento record del 13,2 per cento.

"La maggiore competitivita’ per il tasso di cambio favorevole e’ dunque una opportunita’ – sottolinea la Coldiretti – per sostenere la ripresa economica nell’attuale fase di stagnazione dei consumi interni. Un sostegno importante – sottolinea la Coldiretti – anche per il settore agroalimentare che realizza fuori dall’Unione Europea circa un terzo del valore delle esportazioni con gli Usa che sono il primo mercato di sbocco extraUe. Per la prima volta – conclude la Coldiretti – l’export agroalimentare Made in Italy in Usa ha superato nel 2014 i 3 miliardi di euro e il vino e’ il prodotto italiano piu’ apprezzato dagli americani per un valore di 1,1 miliardi di euro".

NESSUN COMMENTO

Comments