Lavoro, martedì la stretta finale. Ma piccole e medie imprese sono in rivolta

Stretta finale per la riforma del mercato del lavoro. Governo e parti sociali si vedranno martedi’ 20 a Palazzo Chigi. Il premier Mario Monti, in accordo con il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, ha convocato il tavolo con le parti sociali: l’appuntamento e’ alle 15.30 e sara’ l’occasione – scrive il governo nella stessa convocazione – per ‘tirare le somme’ di un percorso di dialogo, iniziato due mesi fa, che portera’ ad ‘una conclusione, auspicabilmente con un pieno accordo, entro la fine di marzo’.

Il confronto ‘e’ in dirittura d’arrivo’, conferma nel pomeriggio il presidente del Consiglio e il ‘risultato’ sarà ‘portato in Parlamento’. E Fornero ribadisce la ‘fiducia’ in un accordo ‘entro pochi giorni’. Sulla volonta’ di arrivare ad una intesa tutti si dicono d’accordo. Ma le frizioni tra le forze politiche non mancano. Il presidente del Senato, Renato Schifani, si appella alla ‘responsabilita’ dei partiti’.

Molti nodi restano ancora da sciogliere. Commercianti e artigiani non ci stanno ad accettare l’aumento dei costi legato ai contratti a tempo determinato e alla nuova indennita’ di disoccupazione che porterebbe un aggravio quantificato in circa 2,7 miliardi in piu’ l’anno: un onere aggiuntivo ‘insostenibile’ per Rete Imprese Italia, l’associazione che li rappresenta. E che arriva a minacciare la possibilita’ di disdire i contratti collettivi di settore per i suoi quasi 7 milioni di addetti. Una decisione senza precedenti.

In campo scende il Pdl, che si schiera al fianco delle imprese: ‘Si’ alla riforma del lavoro e no all’aumento dei costi per le imprese’, twitta il segretario del Pdl, Angelino Alfano, poco prima del vertice con Monti, dopo aver assicurato che ‘tutte le energie e l’impegno sono volti a far si’ che il governo possa varare entro la prossima settimana’ una riforma che chiede sia ‘coraggiosa’. Anche il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, guarda con fiducia all’accordo ma sostiene che ‘artigiani e commercianti sono penalizzati oltre misura’.

Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, evidenzia, invece, che ‘la possibilita’ di arrivare ad un accordo c’e’, ma c’e’ ancora qualche problema di cui discutere. Non tanto l’articolo 18 ma il tema degli ammortizzatori, dei contratti e delle risorse’.

Risorse e struttura dei nuovi ammortizzatori sociali, il cui periodo di transizione sara’ allungato, dopo la levata di scudi di sindacati e imprese, restano sul tappeto. E poi c’e’ l’articolo 18: il capitolo su cui piu’ difficile e’ il punto di convergenza tra i sindacati, a partire dalla Cgil. L’intenzione del governo e’ di non toccare il reintegro previsto dalla norma dello Statuto dei lavoratori nei casi di licenziamenti discriminatori; mentre per i licenziamenti per motivi economici potrebbe esserci solo l’indennizzo.

La Cgil oggi ha riunito la segreteria allargata alle varie categorie e territori, nel corso della quale sono stati affrontati e discussi tutti i temi sul tavolo, compreso l’articolo 18. Il leader Susanna Camusso, nella sua relazione, ha ribadito la volonta’ di arrivare ad un accordo che sia complessivo, sostenendo di non poter ‘subire atti unilaterali come quelli subiti con le pensioni’. E ha convocato il comitato direttivo dell’organizzazione per mercoledi’ prossimo, il giorno dopo l’incontro a Palazzo Chigi, che la Cgil non considera conclusivo. Proprio per valutare l’esito della trattativa.

‘Ottimista’ sull’accordo si dice il leader della Uil, Luigi Angeletti. Non entra nel merito, oggi, Fornero: ‘Siamo in una fase delicata rispetto alla quale non posso anticipare contenuti, che spero possano essere portati all’accordo nei prossimi giorni’. Mentre il governo ribadisce di considerare la riforma del mercato del lavoro ‘una priorita’ della sua azione nonche’ uno strumento essenziale per offrire nuovo impulso alla crescita del Paese’.

NESSUN COMMENTO

Comments