“La popolazione di Amatrice è stremata, rischio suicidi. Lo Stato intervenga”

Non può passare inosservato l’allarme lanciato dalla dottoressa Francesca Mastrantonio. Ecco cosa ha detto la psicologa intervenendo su Radio Cusano Campus

L’allarme arriva da Francesca Mastrantonio. La presidente dell’IIRIS, Istituto Integrato di Ricerca e Intervento Strategico di Roma riconosciuto dal Miur, che da luglio è presente sul territorio per coordinare “IIRIS – Un fiore per Amatrice”, il progetto di sostegno psicologico ai bambini e ai ragazzi della cittadina del Reatino colpita dal terremoto, realizzato in partnership con il Comune di Amatrice e finanziato dal Kiwanis Club Bergamo Orobico Onlus, ha descritto quindi una vera e propria emergenza.

“E non basta – ha dichiarato – l’impegno di questa e delle altre associazioni impegnate sul campo. Non è sufficiente a risollevare una comunità stremata. Se lo Stato non decide di intervenire in maniera incisiva per sostenere un vero e proprio soccorso psicologico rischia di essere tutto vano”.

La situazione è complessa. C’è il rischio anche che qualche cittadino, stremato, decida di togliersi la vita: “Purtroppo sì – conferma la psicoterapeuta –, il rischio che ci siano suicidi esiste. Si sono già verificati casi di questo genere. E allora è urgente intervenire per far sentire agli abitanti di Amatrice che non sono soli, bisogna dargli speranza e stimolare la loro resilienza. Occorre comprendere che è proprio questo il momento in cui la popolazione di Amatrice va sostenuta”.

NESSUN COMMENTO

Comments