Italiani nel mondo, Terzi: Ottimo rapporto fra Italia e Germania

Il ministro degli Esteri Giulio Terzi, intervendento a “Radio anch’io” su Radio Uno, da’ una valutazione "molto positiva" dello stato dei rapporti tra Italia e Germania. "Al di la’ delle note di colore c’e’ stata veramente molta sostanza, c’e’ stato un incontro tra il presidente del Consiglio Monti e il cancelliere Merkel che ha consentito di passare in rassegna tutte le tematiche europee di maggiore importanza, come i seguiti del Consiglio Europeo in vista dell’Eurogruppo”. "Ma soprattutto – ha aggiunto – si e’ discusso in dettaglio di tutti i diversi settori che entrano a far parte di una relazione economica di straordinaria importanza che puo’ essere sintetizzata nel livello dell’interscambio di 100 miliardi di Euro". "Si sono creati gruppi di lavoro, soprattutto per gli aspetti di infrastrutture, di energia, di creazione di mercati unici europei, si e’ parlato di questioni di lavoro occupazione giovanile e su tutti questi temi il seguito al vertice e’ dato – e questa e’ la parte innovativa – da una continuita’ di gruppi di lavoro che partiranno nei prossimi giorni".

Il tema dei rapporti bilaterali e delle percezioni che di questi rapporti si hanno e’ stato affrontato da Terzi con il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle: "Abbiamo constatato come il nostro lavoro di ministri esteri sia anche quello di dimostrare come sia falsa l’idea che qualcuno attribuisce all’opinione pubblica tedesca di condannare la propensione dei paesi del sud alla ricerca di finanziamenti dal nord e viceversa al sud di sintersi penalizzati da un eccessivo rigore, percezioni estreme su cui le diplomazie devono lavorare in positivo". Terzi ha quindi annunciato che con Westerwelle ha avuto modo di discutere "di quello che possiamo fare insieme per dare nuova visione e nuovo slancio all’idea di unione politica solida e profonda nel continente e quindi stiamo lavorando per lanciare sul piano della politica di sicurezza e difesa un’iniziativa almeno fra un certo gruppo di paesi che possa portare a idee e soluzioni concrete per migliorare l’efficienza e la capacita’ dei nostri sistemi di difesa e sicurezza".

Infine sul ‘no’ di Finlandia e Olanda allo scudo anti-spread Terzi ricorda di avere costanti contatti con colleghi dei due paesi e si dice fiducioso: "Non credo che sia un problema".

NESSUN COMMENTO

Comments