Italiani nel mondo, Pd: Esclusione italiani all’estero dal Senato federale è un atto disperato e senza futuro

“Il colpo di mano fatto in Senato dai rappresentanti del Pdl e della Lega Nord, che ha rotto l’accordo sulla diminuzione dei parlamentari e ha propagandisticamente rilanciato il Senato federale, rischia di produrre danni all’impalcatura complessiva dell’esercizio in loco del diritto di voto e crea le condizioni per tornare ad ipotizzare l’eliminazione della rappresentanza degli italiani all’estero. A seguito dell’eliminazione della rappresentanza eletta all’estero al Senato vi è ora il rischio che si riapra il dibattito sul testo e anche sull’articolo 1 votato al Senato. Se del Senato federale si potesse parlare in modo serio, ci sarebbe prima di tutto da verificare quale livello di compatibilità vi sia tra una crisi così acuta, che si sta pesantemente rovesciando sul sistema delle autonomie, e un modello d’Italia federale. In secondo luogo, si dovrebbe discutere se il Senato federale, che è l’istanza di rappresentanza dei territori, possa diventare più autorevole e più incisivo inglobando il richiamo alle comunità italiane all’estero o debba essere invece rinchiuso, in tempi di globalizzazione, dentro i confini nazionali. Si dovrebbero approfondire, insomma, tante cose serie prima di assumere una decisione ponderata, ma la serietà evidentemente non è la migliore dote degli zombies che hanno preferito buttare a mare una possibile riforma del Parlamento e del sistema elettorale, pur di piantare una bandierina propagandistica. Sapendo che alla fine non ci sarà né la riforma, né il Senato federale. Contro gli italiani all’estero si scaglia un altro sasso senza il coraggio della chiarezza e la responsabilità delle proprie azioni. Un atto da guastatori insomma. Gli italiani all’estero che hanno a cuore l’Italia debbono guardare da un’altra parte e aiutare chi, dentro e fuori le aule parlamentari, vuole salvare davvero l’Italia".

Gino Bucchino, Gianni Farina, Marco Fedi, Laura Garavini, Franco Narducci, Fabio Porta

 

 

NESSUN COMMENTO

Comments