Italiani nel mondo, Narducci (Pd): Governo pensi alle scuole italiane all’estero

Giovedì 15 settembre scorso il Governo ha risposto all’interrogazione presentata dall’on. Franco Narducci (PD) in III Commissione affari esteri relativa alla difficile situazione delle scuole italiane all’estero che si protrae da tempo senza che si veda uno sbocco positivo.

L’on. Narducci ha espresso al Sottosegretario Alfredo Mantica, che rispondeva all’interrogazione a nome del Governo, la sua insoddisfazione pur apprezzando la sua “consueta disponibilità a fornire ogni elemento utile alla comprensione delle questioni”. Tuttavia il contesto generale desta preoccupazioni in quanto non s’intravede una svolta coerente con quanto affermato dal Ministro Franco Frattini in occasione dell’audizione sulla promozione della cultura  e della lingua italiana all’estero, audizione resa davanti alle Commissioni estere di Camera e Senato, e cioè dell’importanza di valorizzare l’eccellenza italiana all’estero. “Le scuole italiane all’estero rappresentano realtà competitive essenziali per promuovere il sistema Paese” aveva sostenuto il Ministro Frattini, raccogliendo il consenso di tutti, purché si operi poi per dare sostanza a tali affermazioni. L’on. Franco Narducci ha auspicato che il Governo voglia predisporre le norme necessarie per dare soluzione ai diversi problemi della scuola italiana all’estero compresa la questione del reclutamento del personale supplente, che potrebbe essere individuato in loco, e la necessità “di introdurre nelle scuole italiane all’estero il sistema di valutazione ISO per salvaguardare la qualità dell’insegnamento e il contatto con le comunità locali” .

NESSUN COMMENTO

Comments