Italiani nel mondo, Narducci (Pd) e l’insegnamento della lingua italiana all’estero – di Rosario Cambiano

Caro direttore, prima di tutto ti ringrazio per l’ospitalità che mi offri sul tuo giornale. Leggendo il comunicato dell’On. Franco Narducci, Pd, concernente l’insegnamento dell’italiano in Svizzera, ho notato i suoi complimenti al Governo svizzero, che l’eletto all’estero ha ringraziato per avere riconsiderato il fatto di escludere l’insegnamento della lingua italiana in alcuni Cantoni svizzeri; Narducci ci fa notare in particolare il “disimpegno del Governo italiano per la tutela della nostra lingua all’estero”.

Questa è una realtà, perchè in effetti il disimpegno è totale. Per la Germania (e penso per molti altri Paesi Europei), esistono fondi per finanziare in parte l’insegnamento dell’italiano nelle scuole tedesche. La prassi da seguire, sempre per la Germania, è quella di segnalare alle Autorità del luogo la presenza di famiglie italiane (nel nostro caso). Chiaramente per avere numeri concreti, e soprattutto reali, riguardo le presenze italiane nelle varie zone della Germania, bisogna rivolgersi al Consolato, ai Comites, coinvolgere i Patronati che sono ovunque e in abbondanza. Specialmente quelli molto vicini a Narducci, che come tutti sanno era un dirigente di questi. Il tutto per potere raccogliere più firme possibili, per sottoporle poi al comune del luogo, visto e considerato che le scuole sono gestite dai comuni.

Considerando che i cittadini europei hanno diritto al voto per il rinnovo dei consigli comunali, di tutta evidenza l’eventuale richiesta dell’insegnamento della lingua madre diventa un incentivo per il comune interessato, specialmente per il politico candidato del posto. E tutto cio’ non costerebbe un euro all’Italia, solo che l’Onorevole Narducci dimentica di dirlo o ne è assolutamente ignaro. Inoltre, dove c’è carenza di insegnanti di lingua italiana, si potrebbe accedere ai nostri precari/disoccupati italiani che potrebbero lavorare per le scuole tedesche. Se a Colonia è possibile, non vedo perché non possa essere possibile altrove.

Certamente, organizzare il tutto potrebbe essere un lavoraccio. Per Narducci, in effetti, è molto più facile presentare interrogazioni e inviare comunicati ai giornali.

NESSUN COMMENTO

Comments