Italiani nel mondo, Francesca Alderisi madrina del monumento all’emigrante di Montella

Si è svolta sabato 30 giugno a Montella in Campania, l’inaugurazione del Monumento all’Emigrante, presso il Santuario del S.S. Salvatore. Più di due anni di lavoro e mille chilogrammi di bronzo per realizzare la maestosa opera di grande impatto emotivo che ha preso vita dalle mani del Maestro Antonio Manzi, originario di Montella, da molti anni a Firenze.

Presenti all’evento numerose autorità: il Sindaco di Montella Ferruccio Capone, il Sindaco di Campi Bisenzio Adriano Chini, il Presidente dell’Associazione Regionale Campania in Pennsylvania Erminio Gambone, la Direttrice del Museo Manzi Francesca Bettini ed una rappresentanza di cittadini statunitensi e canadesi tornati a Montella per questa significativa occasione.

"I volatili sono una sorta di misticità, rappresentano gli angeli del dolore, la sofferenza per chi lascia il luogo d’origine" spiega il Maestro Manzi. "Questo enorme tronco si conclude poi in cima dove si trova raffigurata la serenità del luogo verso cui si è migrato".

Madrina dell’evento Francesca Alderisi, coordinatrice del MAIE, per anni conduttrice ed autrice del programma televisivo di Rai Internazionale Gran Sportello Italia. "Essere stata scelta per fare da madrina all’inaugurazione del Monumento all’Emigrante di Montella è stato un semplice e personale contributo per essere ancora una volta vicino agli emigranti nel mondo che hanno lasciato l’Italia rimanendo sempre legati da un forte ed indistruttibile legame con la loro terra d’origine".

NESSUN COMMENTO

Comments