Italiani in Brasile, Porta e Sereni (Pd) incontrano comunità italiana

Il deputato del Pd Fabio Porta eletto all’estero, nella ripartizione America meridionale, ha partecipato a Brasilia agli incontri istituzionali della vicepresidente della Camera dei deputati, Marina Sereni, in missione ufficiale per rafforzare la diplomazia parlamentare tra i due Paesi. Sereni è la nuova presidente della commissione parlamentare italiana istituita nell’ambito dell’accordo di collaborazione tra i Parlamenti italiano e brasiliano. Del gruppo fanno parte Porta e la deputata Renata Bueno, entrambi eletti in America meridionale e residenti in Brasile.

Nella sua veste di presidente del Comitato per gli italiani nel mondo e la promozione del Sistema Paese, il parlamentare ha partecipato ai vari incontri istituzionali e ha espresso la personale grane soddisfazione per la ripresa dei lavori del gruppo di collaborazione: "Molte questioni legate alla presenza della grande collettività italiana in Brasile – ha dichiarato – dipendono da accordi bilaterali tra i due Paesi; la commissione potrà lavorare per incontrare soluzioni per alcuni di questi problemi come: il riconoscimento reciproco degli atti anagrafici e amministrativi, l’assistenza sociale agli anziani indigenti, il voto amministrativo per gli stranieri, la validazione di titoli di studio e gli scambi universitari, la promozione di partnership commerciali e tra le piccole e medie imprese".

Entro la fine di quest’anno la commissione si riunirà a Roma su invito della Presidenza della Camera dei deputati italiani, dando continuità a quanto stabilito dal protocollo di collaborazione tra le due Camere. Nel corso del 2015 è invece prevista una Conferenza parlamentare Italia-America Latina, nell’ambito della analoga conferenza governativa che sarà organizzata a Milano in occasione della prossima edizione di Expo.

La missione della vicepresidente della Camera dei deputati e del presidente del Comitato per gli italiani nel mondo proseguirà a San Paolo, dove tra gli altri incontri è previsto quello con i rappresentanti della grande collettività italiana.