Italiani in Argentina, Gianni Vattimo a Buenos Aires per Fiera del Libro 2012

Domenica prossima, 6 maggio, alle ore 16.00, Gianni Vattimo sarà ospite dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires per presentare – in occasione della Fiera Internazionale del Libro 2012 in corso nella capitale argentina – la sua ultima fatica "Della realtà. Fini della filosofía".
 
Gianni Vattimo è nato nel 1936, a Torino, dove ha studiato e si è laureato in Filosofia; ha poi seguito due anni i corsi di H. G. Gadamer e K. Loewith all’università di Heidelberg, e ha studiato con Hans-Georg Gadamer e Luigi Pareyson. Dal 1964 insegna all’Università di Torino, nella quale è stato Preside, negli anni ’70, della Facoltà di Lettere e Filosofia. È stato visiting professor in alcune università americane (Yale, Los Angeles, New York University, State University of New York) e ha tenuto seminari e conferenze in varie università di tutto il mondo. Negli anni Cinquanta, insieme a Furio Colombo e Umberto Eco, ha lavorato ai programmi culturali della Rai-Tv, conducendo tra l’altro il programma settimanale politico-informativo "Orizzonte". È membro dei comitati scientifici di varie riviste italiane e straniere e socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze di Torino. Ha diretto la "Rivista di Estetica". Ha ricevuto lauree honoris causa da numerose università del mondo. È Grande ufficiale al merito della Repubblica italiana (1997) ed attualmente vicepresidente dell’Academía da Latinidade. È (ed è già stato, tra il 1999 e il 2004) deputato al Parlamento europeo. Nel 2006, Vattimo ha raccontato la sua vita a Piergiorgio Paterlini, autore dell’autobiografia "a quattro mani", pubblicata da Aliberti (Non Essere Dio).
 
Nelle sue opere, Vattimo ha proposto una interpretazione dell’ontologia ermeneutica contemporanea che ne accentua il legame positivo con il nichilismo, inteso come indebolimento delle categorie ontologiche tramandate dalla metafisica e criticate da Nietzsche e da Heidegger. Un tale indebolimento dell’essere, che non si attribuisce più caratteristiche forti ma si riconosce più legato al tempo, alla vita e alla morte, è la nozione guida per capire i tratti dell’esistenza dell’uomo nel mondo tardo moderno, e (nelle forme della secolarizzazione, del passaggio a regimi politici democratici, del pluralismo e della tolleranza) rappresenta anche il filo conduttore di ogni possibile emancipazione. Rimanendo fedele alla sua originaria ispirazione religioso-politica, ha sempre coltivato una filosofia attenta ai problemi della società. Il "pensiero debole", che lo ha fatto conoscere in molti paesi, è una filosofia che pensa la storia dell’emancipazione umana come una progressiva riduzione della violenza e dei dogmatismi e che favorisce il superamento di quelle ingiustizie sociali che da questi derivano.
 
Il suo intervento a Buenos Aires è organizzato in collaborazione con il Centro di Eccellenza Jean Monnet e l’Università di Bologna – Sede di Buenos Aires.

NESSUN COMMENTO

Comments