Italiani all’estero, Zaccarini (Fli): Italia dia giusto valore agli italiani nel mondo

Vincenzo Zaccarini, esponente di Futuro e Libertà nel Regno Unito, venerdì 2 marzo sara’ a Roma per partecipare alla riunione del Ctim, convocata dal Coordinatore Generale Roberto Menia e dal Presidente Giacomo Canepa: "Il Comitato Tricolore per gli Italiani all’estero e’ una realta’ associativa che va difesa e preservata. Da decenni – sottolinea Zaccarini – il Ctim si batte oltre confine per difendere gli interessi degli italiani all’estero, le loro istanze, e per assisterli nelle loro necessita’. L’associazione fondata dall’On. Mirko Tremaglia, primo e unico ministro degli Italiani nel mondo, deve ripartire con più forza di prima, con energie rinnovate, senza dimenticare tutti coloro che fino ad oggi hanno contribuito al prezioso lavoro del Ctim".

Zaccarini, che a Londra ha messo in piedi una trasmissione radiofonica che tratta temi vicini agli italiani all’estero, sta pensando anche ad un programma televisivo: "Presto avremo la possibilita’ di parlare di italiani nel mondo e politica italiana su uno dei canali più seguiti qui nel Regno Unito. Ho pensato di realizzare una trasmissione tv perche’ come sappiamo, nonostante la diffusione delle nuove tecnologie e l’importanza indiscutibile di giornali e radio, la televisione e’ il mezzo attraverso cui e’ più facile veicolare certi messaggi, un mezzo che ti permette di entrare nelle case della gente e di poter quindi comunicare in maniera più diretta. Sara’ un programma televisivo che offrira’ ai cittadini italiani residenti in Gran Bretagna, ma non solo ad essi, spunti, idee, riflessioni sulla politica italiana e inglese; ci rivolgeremo ai connazionali residenti in UK soprattutto per capire quali siano i loro bisogni e i loro desideri".

Gli italiani nel mondo secondo il finiano residente a Londra sono "una risorsa di grande valore per l’Italia: e’ ora che il nostro Paese se ne renda conto e cerchi di valorizzarli al massimo. Futuro e Liberta’, da parte sua, ha dimostrato, con Gianfranco Fini, Italo Bocchino, Roberto Menia e Aldo Di Biagio, di essere un partito capace di interloquire con i connazionali a 360 gradi,   riconoscendo le loro capacità e la loro passione per l’Italia. A sinistra, nel Pd, pensano solo a chiedere soldi allo Stato, senza capire che non e’ più tempo di vacche grasse e che la politica del chiagni e fotti è finita. Una sinistra senza idee, quindi, che avra’ grosse difficolta’ alle prossime elezioni. Come le avra’ il PdL, che in Parlamento ha votato più volte contro gli italiani all’estero. Gli esponenti del PdL eletti all’estero ci fanno solo vergognare. Quelli eletti in Europa, in particolare, in questi anni hanno dimostrato di non essere capaci di avere un contatto diretto con le comunita’ estere: fra loro – osserva Zaccarini -, c’e’ chi preferisce trascorrere intere giornate su Facebook, anziche’ studiare nuovi modi per migliorare la qualita’ della vita quotidiana di noi italiani residenti nel mondo. Di gente cosi’ non sappiamo che farcene".

In conclusione, l’esponente Fli invita "tutti gli italiani residenti in Europa a visitare il mio sito web, www.vincenzozaccarini.com, e quello del Fli Regno Unito, www.futuroeliberta.co.uk. Prendete contatti con noi,  lavoreremo insieme – assicura – per costruire con il nostro contributo un’Italia migliore".

NESSUN COMMENTO

Comments