Italiani all’estero, Terzi: Nave Enrica Lexie in acque internazionali

Una immagine della petroliera Enrica Lexie. Le autorità indiane hanno denunciato oggi che due indiani a bordo di un peschereccio sono stati uccisi ieri al largo del porto di Kochi (India meridionale) dagli uomini della sicurezza della petroliera italiana Enrica Lexie che li avevano scambiati per pirati. Lo ha affermato un portavoce della difesa indiana Ieri lo Stato Maggiore della Marina italiana aveva annunciato che la sicurezza a bordo della petroliera aveva sventato sparando colpi intimidatori un attacco di pirati. ANSA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi Sant’Agata, in questi giorni a Francoforte, a margine di una conferenza alla Dgap, Fondazione che si occupa di politica estera in Germania, ha parlato del caso che riguarda la petroliera Enrica Lexie, con i militari italiani in stato di fermo in India: "La nave italiana era sicuramente in acque internazionali, e il sostenere che esiste una giurisdizione indiana non italiana su questo secondo me è un grosso errore".

Il titolare della Farnesina ha sottolineato che al momento "abbiamo elementi per ritenere che la versione data dalle autorità indiane sulla presenza italiana nelle acque territoriali non sia corretta".

Un vero e proprio "caso diplomatico", quello che riguarda Italia e India, come ha affermato il capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

Il ministro degli Esteri italiano sarà in India la prossima settimana.

NESSUN COMMENTO

Comments