Italiani all’estero, strada in salita per nostri marò in India

WCENTER 0SMECCUDOG LaPresse 22-04-2012 Cronaca India, i maro' escono dal carcere di Trivandrum per incontrare le loro famiglie An Indian policeman directs Italian marines Massimiliano Latorre, center, and Salvatore Girone, right, as they come out to meet their family members at the central prison, where the two marines are detained by Indian authorities in Trivandrum, India, Sunday, April 22, 2012. Italy agreed to pay nearly US$200,000 to each of the families of two dead Indian fishermen allegedly shot by Italian marines who mistook them for pirates, lawyers for the victims' families said Friday.

Proprio quando sembrava esserci uno spiraglio per la soluzione della complessa vicenda dei due maro’, oggi rinviati ad altre due settimane di detenzione preventiva in India la strada appare di nuovo in salita. La Corte Suprema di New Delhi ha rimandato a domani il via libera definitivo alla partenza della petroliera Enrica Lexie bloccata in Kerala, un fatto dato ormai per certo, ma soggetto a condizioni piu’ vincolanti per l’armatore e anche per il governo italiano, convocato per la prima volta nel caso.

Nell’udienza di oggi, durata circa due ore, c’e’ stato anche un colpo di scena. L’avvocato dello stato del Kerala, Gopal Subramaniam, un famoso giurista, ha mostrato ai giudici il testo del compromesso tra il governo italiano e le famiglie dei due pescatori uccisi e ha letto alcuni paragrafi dove gli eredi rinunciano a presentarsi come parte lesa in tutte le cause presenti e future. L’intesa, gia’ ratificata presso l’Alta Corte del Kerala, e’ stata duramente criticata dalla Corte Suprema che l’ha definita ‘illegale’ e ‘da annullare in base al codice di procedura civile indiano’.

Non e’ ancora chiaro quali saranno le conseguenze di questa nuova presa di posizione che, seppur autorevole, per ora non ha alcun valore vincolante nei procedimenti giudiziari in corso. La Corte era infatti chiamata oggi a pronunciarsi sul ricorso del governo italiano in cui si chiede il rilascio della petroliera ferma dal 15 febbraio in alto mare e la cui partenza era gia’ stata autorizzata in primo grado dall’Alta Corte del Kerala.

Era stata la moglie di un pescatore, Dora, oggi assente dall’aula, a bloccare il verdetto con un appello a una sezione speciale dello stesso tribunale. Come gia’ dichiarato nella scorsa udienza, il giudice R.M. Lodha ha ribadito che non esistono i presupposti giuridici per trattenere la nave e l’equipaggio formato da 5 italiani, 19 indiani, oltre a quattro maro’. ‘Non sono accusati, non hanno commesso alcun reato, al massimo possono essere testimoni’ ha detto ricordando che le persone a bordo hanno diritto alla liberta’ personale sancita dall’articolo 21 della Costituzione ‘che si applica a qualsiasi essere umano, non solo ai cittadini indiani’.

Tuttavia, la Corte Suprema ha accolto la tesi del rappresentante del Kerala che chiedeva maggiori garanzie nel caso in cui le autorita’ indiane volessero interrogare o convocare come testimoni il capitano e i marinai o avessero bisogno della nave per accertamenti sull’omicidio. In particolare, il giudice ha chiesto al governo italiano, responsabile per i quattro maro’ rimasti a bordo, di presentarsi domani con un’impegnativa che garantisca una loro eventuale disponibilita’. Nell’udienza si e’ anche parlato dell’ipotesi di far scendere a terra i quattro militari in modo da permettere alla nave di salpare.

Intanto, oggi Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono comparsi davanti al giudice istruttore di Kollam che, su ordine dalla polizia, ha esteso di ulteriori due settimane (fino al 14 maggio) la carcerazione preventiva e anticipato la prossima udienza all’11 maggio. Si prevede che intorno a quella data le indagini siano completate e la polizia possa presentare i capi di incriminazione per il rinvio a giudizio.

NESSUN COMMENTO

Comments