Italiani all’estero, Siria: ospedale da campo italiano per rifugirati in Giordania

L’Italia allestirà il primo ospedale da campo in Giordania vicino alla frontiera con la Siria per curare persone rimaste ferite nelle violenze in territorio siriano e per assistere i profughi riparati in Giordania. Lo hanno sottolineato oggi diplomatici italiani ad Amman, precisando che l’iniziativa – gia’ preannunciata nei giorni scorsi dal ministro degli Esteri, Giulio Terzi – dovrebbe concretizzarsi entro la fine di maggio nella città di Mafraq, nel nord della Giordania.

"Si tratterà di una struttura d’emergenza per i rifugiati e per i residenti che ospitano rifugiati", ha sottolineato Gianpaolo Neri, numero due dell’ambasciata italiana. "Valuteremo le operazioni quando cominceranno, e se necessario potenzieremo l’iniziativa", ha aggiunto il diplomatico.

Il governo giordano, l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Iom) parteciperanno alla realizzazione dell’iniziativa.

Le autorità giordane affermano che non meno di centomila profughi sono arrivati dalla Siria da quando è scoppiata la crisi, nel marzo del 2011, ma l’Unhcr precisa che solo 15.000 di loro sono stati ufficialmente registrati.

NESSUN COMMENTO

Comments