Italiani all’estero, Sarà Miss USA: ma la bellezza è italiana – di Roberto Zanni

“Io sono italiana e sono cresciuta con una madre alla quale piace cucinare tutto il tempo e questa passione me l’ha passata. Mi piace cucinare e sono sempre lì a cercare nuove ricette, a fare degli esperimenti in cucina. Un piatto speciale che faccio è la pasta con una leggera salsa di pomodoro fatta in casa mescolata con condimenti particolari, formaggio e carne”. È la specialità di Alyssa Campanella, 22 anni, nata a Malanapan nel New Jersey e che dopo essere arrivata seconda nel 2007 a Miss Teen USA, l’anno scorso ha vinto Miss USA 2011 e a Miss Universo, che si è svolta a San Paolo, in Brasile, nel settembre scorso, è arrivata tra le 16 più belle del mondo, anzi dell’universo.

Alyssa Campanella, il cognome parla chiaro, è di discendenza italiana. «Mio padre – ecco la conferma di Miss USA – è 100% italiano, e proviene da Napoli, mentre le origini di mia madre sono scandinave- tedesche». E la bellezza di Alyssa ha conquistato tutta l’America e indubbiamente l’apporto ‘napoletano’ ha fatto la sua parte. Alyssa Campanella è la Miss USA in carica, ma il suo regno sta per terminare, ma solo quello con la corona in testa. Il 3 giugno infatti a Las Vegas, al Theatre for the Performing Arts del Planet Hollywood Resort & Casino, arena da 7000 posti, si svolgeranno le finali del più famoso concorso di bellezza degli Stati Uniti. A ‘Sin City’ si terrà la 61ª edizione e se il regno di un anno di Alyssa ha già iniziato il suo conto alla rovescia e sta per concludersi, non si ferma invece la bellezza italiana perchè tra le candidate a prendere il posto di Alyssa ci sono quattro sue connazionali, ma nel senso di italiane, di passione e discendenza con una italianità ben visibile, nei tratti da miss, e nel nome e nel cognome. Un poker di candidate pronte a conquistarsi l’eredità di Alyssa, anche se sarà come sempre una lotta dura, fino  all’ultimo, visto che a contendersi la corona ci saranno, come da tradizione 51 miss provenienti dai 50 stati con l’aggiunta di District of Columbia.

Le rappresentanti che potrebbero partecipare anche a Miss Italia? In ordine alfabetico, per non fare nessuna preferenza, eccole: Olivia Culpo, Michelle Leonardo, Marie-Lynn Piscitelli e Johanna Sambucini. E se per partecipare a Miss USA il limite d’età è di 27 anni, Olivia Culpo, che ne ha appena 19, è la più giovane del quartetto… italiano. È Miss Rhode Island 2012 e nel piccolo stato del Nord-Est, vive a Cranston. Ha quattro fratelli e ha sempre avuto la passione per la lingua italiana, tant’è vero che ha già preso parte a due programmi di studio a Milano. Cresciuta in una famiglia di musicisti, Olivia ha cominciato a suonare il violoncello fin da piccola, ha fatto parte della Rhode Island Philharmonic Youth Orchestra, della Philharmonic Chamber Ensemble, poi Bay View Orchestra e la Rhode Island All-State Orchestra.  Attualmente suona con la Boston U niversity Accompanietta. Una giovane e già affermata musicista la cui bellezza si accompagna perfettamente alla musica del violoncello e sicuramente a Las Vegas non passerà inosservata.

Non lontano dal Rhode Island la bandiera tricolore sventola ancora più energicamente. «Sono italiana, non faccio la dieta». Lo dice sicura un’altra candidata Michelle Leonardo, Miss New Jersey. Vent’anni, vive a  Tinton Falls e studia giornalismo alla Suffolk University e un giorno vorrebbe diventare una reporter di ESPN, per seguire i New York Jets ma anche i New York Yankees. Balla fin da piccola e svolge anche numerose attività benefiche, le piace andare in palestra, ci va molto spesso, e quindi, anche per questo non ha bisogno di diete particolari, forse anche perchè è difficile, a volte, resistere al cibo italiano. Michelle nel 2008, quando aveva solo 16 anni, è stata Miss New Jersey Teen USA.

Dal Connecticut arriva invece Marie-Lynn Piscitelli, 26 anni, anche lei ex miss teen, nel 2001. E nel Connecticut, prima di essere eletta la ragazza più bella, ha partecipato cinque volte al concorso. Adesso che l’ha vinto Marie-Lynn, che nel frattempo ha avviato una attività in proprio di makeup artist, va all’attacco del titolo più importante. Bionda, Marie-Lynn va davvero orgogliosa delle sue radici italiane: la mamma, Francine, che ora fa l’hair stylist a Brandford, in Italia infatti ci è proprio nata. «I miei genitori vivono il sogno americano – dice – e adesso lo sto vivendo anch’io solo per essere arrivata a Las Vegas». Un sogno quello di Marie-Lynn cominciato ancora prima di volare a Las Vegas per partecipare a Miss USA 2012. Infatti dopo essersi diplomata come accountant, contabile, ha poi lasciato il lavoro, sicuro, per buttarsi in un settore che sicuramente ama di più e che le potrà regalare soddisfazioni, ma che al momento non le offre la sicurezza economica che poteva avere prima. «Qualcuno, una volta – ha raccontato – mi ha detto che se avessi fatto nella vita quello che amavo, non avrei mai lavorato un giorno. La vita la voglio sfruttare».

Non lontano dal Connecticut c’è la quarta ‘italiana’: Miss New York. Si chiama Johanna Sambucini, ha 25 anni, ed è metà italiana e metà dominicana. Vive a Brooklyn le piacciono i rigatoni e parla tre lingue, inglese, spagnolo e italiano ovviamente. Fa la modella e il campo della moda è quello che più la affascina, ma continua a studiare e attualmente sta per raggiungere il masters in Business Administration. Ma un paio di anni fa Johanna, a New York, è stata eletta Miss Italian-American Press i-Italy non solo per le sue indubbie qualità estetiche, ma anche per la sua dialettica e l’attaccamemento alle origini. «Sono onorata di partecipare a questo concorso – disse due anni fa a New York – perchè mi permette di manifestare la mia identità italiana. Sono nata e cresciuta a Bensonhurst, il quartiere italo-americano di Brooklyn. La mia famiglia ha sempre voluto insegnarmi la cultura e le tradizioni del nostro Paese, valori che custodisco e tramanderò a mia volta». 

NESSUN COMMENTO

Comments