Italiani all’estero, Salisburgo: Festival Pentecoste batte bandiera italiana

Batte ancora bandiera italiana il Festival di Pentecoste di Salisburgo 2012. Dopo Riccardo Muti e le sue raffinate riscoperte di capolavori dimenticati del ‘700 napoletano, arriva Cecilia Bartoli, con un’edizione piena zeppa di star, e un tema accattivante tanto quanto impermeabile all’oblio: ‘Cleopatra, nel labirinto di eros e potere’, come recita il titolo del programma. Fra i nomi in cartellone, oltre alla Bartoli, Anne-Sophie Otter, Philippe Jaroussky, Piotr Beczala, Vesselina Kasarova, Valery Gergiev, John Eliot Gardiner. Salta invece una star globale: il soprano russo Anna Netrebko che, come annunciato ieri dal Festival, ha dovuto purtroppo dare forfait perche’ ammalata.

La Bartoli debutta in veste di sovrintendente del Festival di Pentecoste, diretto fino allo scorso anno, per cinque anni, dal maestro Muti. Una sfida difficile dato il successo delle passate edizioni, che la cantante romana ha raccolto puntando su un carnet di grandi nomi e ispirandosi a un personaggio mitico, Cleopatra. La bellissima regina egiziana – che oltre a sedurre i potenti romani (Cesare e Marco Antonio) conquisto’ la fantasia di tanti poeti latini, di Shakespeare, di schiere di artisti e di Hollywood – e il cui fascino si irraggia fino ad oggi. Dal 25 al 28 maggio il programma si snoda ispirandosi a lei: Cleopatra Raffinata, Cleopatra amorosa, Cleopatra virtuosa, Cleopatra sensuale, Cleopatra tragica, Cleopatra orientale. Si apre con l’opera ‘Giulio Cesare in Egitto’ di Georg Friedrich Haendel.

Giovanni Antonini dirige Il Giardino armonico, regia di Moshe Leiser e Patrice Caurier. Grandi nomi nel cast: la Bartoli nei panni di Cleopatra, Andreas Scholl (Giulio Cesare), Anne Sofie von Otter (Cornelia), Philippe Jaroussky (Sesto). L’opera va in scena anche il 27 nell’Haus fuer Mozart e sara’ poi riproposta per altre cinque recite al Festival estivo di Salisburgo: una novita’, questa, voluta dal nuovo sovrintendente Alexander Pereira, dato che finora gli allestimenti di Pentecoste non venivano bissati d’estate. Il 26 la Bartoli si esibira’ al Mozarteum in un programma di virtuosismi barocchi (Haendel, Hasse, Graun), Antonini dirige Il giardino armonico. Domenica di Pentecoste sara’ presentata l’opera Cleopatre di Jules Massenet, eseguita in forma di concerto nella Felsenreitschule: Vladimir Fedoseyev dirige l’Orchestra del Mozarteum, solisti Sophie Koch (Cleopatra) e Ludovic Tezier (Marco Antonio). La mattina del lunedi’ di Pentecoste Sir John Eliot Gardiner dirige nella Felsenreitschule l’Orchestra della radio bavarese in opere di Schumann, Berlioz e Brahms, solisti: Vesselina Kasarova e Piotr Beczala. Chiude la sera un concerto nel Grosses Festspielhaus il maestro Valery Gergiev che dirige l’Orchestra del Teatro Marinski di San Pietroburgo: programma, a causa del forfait della Netrebko, leggermente cambiato: e’ subentrata la Bartoli che cantera’ due arie di Mozart, mentre Mojca Erdmann sostiuira’ il soprano russo nella prima mondiale di Rodion Shchedrin ‘Cleopatra e la vipera’. Per la prosa ci sara’ poi un mattinee con noti attori di lingua tedesca su testi di Shakespeare, e per il cinema una maratona di classici, da Cleopatra del 1917 a Asterix e Cleopatra. Infine anche una chicca culinaria: un dinner egiziano con accompagnamento musicale.

NESSUN COMMENTO

Comments