Italiani all’estero, Romagnoli (PdL): Accordi con partiti centrodestra Ue per essere vicini a connazionali

In questi anni il Movimento delle Libertà ha continuato a lavorare sul territorio, nei vari Paesi europei, a stretto contatto con le comunita’ degli italiani all’estero, per conoscere e cercare di risolvere i loro reali bisogni. I nostri connazionali, pur essendo legatissimi alla propria Patria, vivono ormai nelle nazioni che li hanno ospitati, e dunque, oltre ad avere i problemi legati al loro essere italiani fuori dai confini nazionali, hanno  anche  difficolta’ varie come italiani residenti in Spagna, Germania, Francia o Regno Unito. Insomma, i nostri connazionali ormai sono integrati con le comunita’ locali, lavorano e investono, molti di loro si sono costruiti una casa e una posizione sociale; hanno tuttavia necessità di essere assistiti e informati, ad esempio sulla burocrazia amministrativa, o sulla scelta delle scuole per quanto riguarda l’educazione dei loro figli; se imprenditori, hanno difficoltà con la dogana di quel Paese e se lavoratori dipendenti devono essere tutelati nei loro diritti. E’ per questo che il Movimento delle Libertà ha stretto accordi in ogni Paese Ue con i partiti del centrodestra, per potere intervenire anche sul territorio ad alleviare i disagi che vivono i nostri connazionali". Così Massimo Romagnoli, PdL, presidente del Movimento delle Libertà, che aggiunge: "La nostra presenza deve poter garantire una vicinanza solidale e proficua, al fine di concorrere a rimuovere ostacoli ed eventuali problemi della vita quotidiana. Gli italiani che all’estero ci danno fiducia devono sapere che possono contare su di noi, e non solo per i bisogni, anche per i desideri. Perchè ai tanti italiani nel mondo – conclude l’esponente PdL – ci uniscono le radici e i comuni valori, a qualsiasi latitudine".

NESSUN COMMENTO

Comments