Italiani all’estero, Rai Internazionale: lettera a Napolitano – di Giuliano Fedele Superina

Illustre Signor Presidente Napolitano,

        spero che  insieme a me ci saranno migliaia di  altri teleascoltatori di RAI International desiderosi di perorare la sopravvivenza di questa benemerita Istituzione, cosi’ come l’abbiamo conosciuta da sempre. Scusi  l’intrusione, ma per noi Italiani residenti all’estero  questa causa e’ di  grande interesse.
 
Talvolta il destino tesse i suoi fili in maniera molto originale, che puo’ essere fortuita, ma che forse puo’ avere un significato intenzionale. Cosi’ oggi e’ stata per me una giornata molto originale, in quanto  non avrei mai immaginato  alla sveglia che avrei scritto nello stesso giorno sia al Presidente della Repubblica sia al Capo del Governo, quando nel passato non mi sono mai permesso di farlo. Ma in ambedue i casi ci sono ragioni dettate  dall’"amor patrio" a spingermi in questo senso.
 
Nel primo caso mi sono permesso di esternare un disegno  di natura economica, forse impossibile, ma  sempre dettato dall’amore verso la patria lontana. E quando le spinte di  raggiungere un obiettivo  sono dettate da vero e genuino amore,  l’impossibile puo’ divenere realta’. E perche’  Ella abbia completa conoscenza  del soggetto cui mi riferisco,  mi permetto di allegare in copia la lettera scritta a S.E. Monti.
 
Immagino l’Italia come  nave in gran tempesta, arenata su fondali bassi e insidiosi, e bisognosa di  riprendere il galleggiamento se vuol navigare e riprendere il  suo cammino. Niente di piu’ necessario che alleggerirla  della sua zavorra e buttarne buona parte in mare. Un piccolo sacrificio se si vuol salvare il carico.
 
Il secondo pensiero riguarda RAI Internazionale. Nel pomeriggio vengo a sapere che RAI Internazionale puo’ cessare di esistere per tagli sostanziali di finanziamento. Martedì si saprà la decisione. Ma nel caso che RAI chiudesse, tale eventualita’  costituirebbe un fatto  dolorosissimo,  addiritura un sentimento ostile  verso  gli "irresponsabili che l’hanno deciso, ostilita condivisa  da milioni di telespettatori residenti all’estero. Ci sono programmi che mettono in contatto telefonico o altro mezzo, i telespettatori con il conduttore/conduttrice del programma stesso, cosicchè, oltre all’interesse per il contenuto, vi e’ da tenere in gran considerazione  anche un  vincolo di simpatia  che con il tempo  puo’ diventare amicizia tra telespettatori e conduttori/trici.

Tante amicizie che verebbero a mancare  se il disegno  di chiudere RAI Internazionale avesse la disgrazia di  materializzarsi.  Programmi come " Italia chiama Italia" o "Gran Sportello  Italia" o ‘Italia e’" e le partite  i calcio come pure i Telegiornali devono rimanere intoccabili, per cui devono continuare. La presenza di RAI Internazionale e i sopra citati programmi vanno al di la’ della sola informazione e istruzione, ma in effetti sono  il vincolo che ci unisce come Comunita’ etnica e ci fa rimanere  degli Italiani all’estero. E le voci  delle conduttrici che con essi ci arrivano fino a queste lontane terre, non sono solamente onde sonore o elettriche, ma la viva voce della Patria che parla  e ci ricorda.

Ci sono tanti altri angoli da "spolverare" se  volete fare i risparmi che il momento esige. Ma sia ben chiaro che  RAI Internazionale  e’ conforto e gioia  per noi  Italiani nel Mondo che  altrimenti , senza RAI Internazionale, sprofonderemmo ln questo mare di migrazione, che come scia della nave  che qui ci ha portato  sarebbe ricomposta dall’onda e diventerebbe un tutt’uno con la massa.

Illustre Signor Presidente, La preghiamo di usare la Sua autorita’  affinche’ tale scempio non avvenga. Gli Italiani fuori dai confini della Patria Le saranno infinitamente  grati. Grazie infinite
 
Giuliano Fedele Superina
511, The West Mall, Apt. 1611 , Toronto,Ont.

NESSUN COMMENTO

Comments