Italiani all’estero, Pellegrinaggio in Terra Santa per militari

Roma, 26 ott. (TMNews) - Nell’ambito di un'operazione di normale controllo del territorio, alle 18.30 circa (le 16 in Italia), un blindato Lince della Task Force South, su base 152esimo Reggimento “Sassari”, è stato oggetto di un’esplosione di un ordigno improvvisato(Ied) verificatasi a circa dieci chilometri dalla Forward Operating Base (FOB) Tobruk, nel distretto di Bala Baluk, nella provincia di Farah. Sono stati coinvolti cinque militari che hanno riportato leggere ferite da traumi da contusione e shock e che non destano preoccupazione, ha riferito lo Stato Maggiore della Difesa.

Un "pellegrinaggio militare nazionale" aperto agli uomini di tutte le Forze Armate Italiane si svolgera’ in Terra Santa dal 27 dicembre al 3 gennaio, con tappe a Nazareth, Cana, monte Tabor, lago Tiberiade, monte delle Beatitudini, Qumram, Gerico, Betlemme e Gerusalemme. Ma per quanti non saranno liberi dal servizio per l’intero periodo sara’ possibile parteciparvi anche nella forma ridotta, dal 30 dicembre al 2 gennaio. Ne da’ notizia l’ordinario militare, monsignor Vincenzo Pelvi.

Il pellegrinaggio vissuto nella fede, ricorda l’arcivescovo, "e’ sempre un’esperienza di penitenza e di rigenerazione personale e comunitaria". "Sara’ per tutti un vero ritorno alle sorgenti della nostra fede per attingere quell?acqua viva che irriga e fa fiorire i deserti interiori che possono inaridire le nostre esistenze", assicura monsignor Pelvi sottolineando che le tappe sono state pensate "sia come un?introduzione per chi non e’ mai stato nei luoghi Santi, sia come approfondimento per chi gia’ ne possiede conoscenza". 

NESSUN COMMENTO

Comments