Italiani all’estero, Nissoli (Fi): Rivedere costi abbonamenti Rai Italia in Nord America, sono ingiustificabili!

“L’informazione verso le nostre Comunità all’estero non è solo un dovere ma rappresenta anche un investimento strategico volto a mantenere vivo il legame di connazionali all’estero con la Madrepatria”

Oggi, l’on. Fucsia Nissoli, assieme al Collega Giorgio Mulè (Portavoce Unico dei Gruppi Senato e Camera di Forza Italia), ha depositato in Commissione di Vigilanza Rai un Quesito al Direttore generale dell’Azienda radiotelevisiva pubblica italiana per chiedere “quali provvedimenti” si intendono adottare “per permettere ai connazionali residenti all’estero di continuare a seguire i programmi Rai a costi ragionevoli”.

Infatti, “dal 4 ottobre scorso – scrive l’on. Nissoli – i cittadini italiani residenti in USA hanno avuto l’amara sorpresa della cancellazione dei programmi Rai dai palinsesti delle piattaforme satellitari che offrivano tali servizi in USA; ora, per continuare a vedere i programmi Rai, bisogna rivolgersi ad altre piattaforme, e si rischiano aumenti del costo percentualmente altissimi”.

L’on. Nissoli sottolinea, nel Quesito, che l’aumento dei costi che stanno subendo i cittadini italiani in USA per vedere i programmi Rai sono “ingiustificabili per una emittente pubblica che è chiamata ad informare anche i cittadini italiani che vivono all’estero”.

Inoltre, la deputata eletta in Nord e Centro America fa notare che “l’informazione verso le nostre Comunità all’estero non è solo un dovere ma rappresenta anche un investimento strategico volto a mantenere vivo il legame di connazionali all’estero con la Madrepatria ed ad integrarli nella rete del Sistema Italia nel mondo”.