Italiani all’estero, Merlo: ‘Il MAIE accoglie e forma gli studenti sudamericani’

"Come ogni anno, in questi giorni sono partite le selezioni per gli stages offerti dal MAIE presso il Parlamento." ha detto Ricardo Merlo, presidente del Movimento Associativo italiani all’estero. In base all’accordo stretto tra il MAIE  e la Fondazione Alma Mater di Bologna, il MAIE accoglierà alcuni giovani sudamericani per l’anno accademico 2011-2012. Le candidature quest’anno provengono da Argentina, Colombia e Brasile.

"Gli stages – ha aggiunto Merlo – sono rivolti agli studenti del Master in Relazioni Internazionali Europa – America Latina, dell’Università di Bologna. I ragazzi dopo aver completato i primi 9 mesi di formazione dovranno chiudere la fase formativa italiana con uno stage di 3 mesi. Il MAIE in base all’accordo stretto nel 2009 offre loro la possibilità di uno stage presso il Parlamento italiano".
La selezione dei candidati si concluderà entro questo mese e gli studenti ammessi cominceranno lo stage a partire da Gennaio 2012.

"Questi ragazzi provengono da studi universitari prevalentemente umanistici come Scienze Politiche, Giurisprudenza, Commercio Internazionale, ma non solo; alcuni hanno già un’esperienza professionale alle spalle, pochi però hanno un’esperienza di partecipazione attiva alla vita politica." ha spiegato il deputato italo sudamericano."Nel corso di tre mesi gli studenti impareranno  a svolgere attività di ricerca e documentazione parlamentare, a predisporre atti di supporto al lavoro nelle Commissioni parlamentari, a redigere relazioni e studi relativi agli atti parlamentari, quali progetti di legge, emendamenti, relazioni, interventi, atti di sindacato ispettivo.L’esperienza degli anni passati con questi giovani, preparati  ad altissimo livello dall’Università di Bologna – ha concluso l’on. Ricardo Merlo –  si è rivelata di grande valore sia dal punto di vista formativo che dal punto di vista umano. Noi del MAIE  continuiamo ad investire sul futuro e sulle nuove generazioni."

NESSUN COMMENTO

Comments