Italiani all’estero, Marcegaglia e Santo Versace alla Niaf

Grande serata oggi all’Hotel Hilton di Washington. Barack Obama parteciperà al gala della Niaf, giunto alla sua 36esima edizione. La National Italian American Foundation è senza dubbio la più importante organizzazione italoamericana degli Stati Uniti. Il presidente Usa pronuncerà il suo discorso davanti a una platea composta dai più importanti e influenti esponenti della comunità italiana residente negli States.

John Calvelli, segretario della Niaf e presidente del Government Affairs Committee, ha sottolineato che la partecipazione di Obama all’evento "è molto significativa", soprattutto nell’anno delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Anche il nostro ambasciatore negli States, Giuliomaria Terzi di Sant’Agata, ha evidenziato l’importanza della presenza del presidente americano all’evento.

La serata vedrà, fra i vari ospiti, anche la presenza del nostro ambasciatore a Washington, Giuliomaria Terzi di Sant’Agata, che sarà insieme all’ambasciatore americano in Italia, David Thorne. E poi Nancy Pelosi, leader democratico della Camera, Samuel Alito, giudice della Corte suprema americana, John Podesta, presidente del Center for American Progress, Louis Freeh, ex direttore dell’Fbi.

Durante il gala diversi esponenti della comunità italiana residente negli States verranno premiati. Fra questi, Capri Cafaro, il leader di minoranza del Senato dell’Ohio, e Frank Mancuso, ex presidente e amministratore delegato di Paramount Pictures e Metro-Goldwyn Mayer Studio. Con loro saranno premiati anche personalità italiane di grande spessore istituzionale e imprenditoriale: riceverà quindi un premio Santo Versace, imprenditore del settore della moda, che porta un cognome conosciuto nel mondo intero. E poi la "lady di ferro", come è stata definita dell’Economist, ovvero Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria: a lei andrà il premio "donna dell’anno", un riconoscimento particolare, il Niaf Special Achievement Award in Women`s Leadership.

Grandi gli italiani all’estero, grandi gli italiani d’America.

NESSUN COMMENTO

Comments