Italiani all’estero e caso Battisti, la lettera di Lorenzo Conti

Sono Lorenzo Conti, figlio di Lando, ex Sindaco di Firenze ucciso dalle Brigate Rosse il 10 febbraio 1986. In queste ultime settimane abbiamo letto le deliranti dichiarazioni del terrorista Cesare Battisti. A queste, in settimana, si sono aggiunte quelle altrettanto deliranti della ex terrorista Barbara Balzerani fatte in un convegno a Livorno.

Al fine di salvaguardare l’immagine dell’Italia nel Mondo, sono a richiederVi di prendere in esame l’ipotesi di INTERROMPERE OGNI PUBBLICAZIONE di interviste o quant’altro al terrorista Cesare Battisti. Infatti, continuare a pubblicare le dichiarazioni di Battisti genera sicuramente:

 ·       Danno all’immagine dell’ITALIA nel mondo

 ·       Danno alle Forze dell’ordine e delle Istituzioni tutte

 ·       possibili emulazioni delle azioni di tale assassino

 ·       Dolore dei familiari delle vittime del terrorismo

Non ci interessano, infatti, le sue dichiarazioni sulle donne brasiliane e nemmeno sapere che ha cambiato il suo look, nè tantomeno le continue offese al nostro Paese.

Non si tratta di censura, ma soltanto di rispettare coloro che ogni giorno difendono l’Italia, le famiglie delle vittime dei loro attentati e amare, con convinzione, la propria Patria.

Ricordo che tale atteggiamento nei confronti di ex terroristi è già stato attuato nel 2009 dalla Germania per Christian Klar della Banda Baader Meinhof.

Spero che tale richiesta sia accettata da tutte le testate giornalistiche del Paese (giornali, TV, Radio, ecc)

Immensamente grato,

 Dott. Lorenzo Conti

NESSUN COMMENTO

Comments