Italiani all’estero, Di Martino: Maie rappresenta progetto in cui credo

Logo_maieA4

L’on. Ricardo Merlo si è recato, nei giorni scorsi, in Venezuela per presiedere a Caracas il Congresso del MAIE Venezuela – Area Andina e per incontrare la collettività italiana. La visita del Presidente del MAIE prevedeva anche incontri con le istituzioni italiane e locali.Il primo appuntamento è stato quello con l’ambasciatore Paolo Serpi  con il quale Merlo si è intrattenuto per una colazione di lavoro, insieme al Coordinatore MAIE Michele Buscemi. ”E’ stato un incontro cordiale in cui si è parlato delle istanze della collettività italovenezuelana,  e della locale  vita associativa italiana, ma anche delle aspettative legate al recente cambio di governo in Italia.” ha detto Ricardo Merlo al termine dell’incontro. Nel pomeriggio di giovedì c’è stata l’apertura dei lavori del Congresso, presso l’hotel Paseo De las Mercedes,  alla presenza dei coordinatori e collaboratori del MAIE. Erano presenti 50 delegati provenienti da tutto il Venezuela, dalla Colombia e dal Perù.L’on. Ricardo Merlo dopo aver letto il saluto della sen. Mirella Giai (Coordinatrice America Latina), si è soffermato ad illustrare la programmazione del MAIE in tutta l’area andina, aggiornando i coordinatori sull’attività del MAIE in tutta la circoscrizione Estero.

Quindi, Michele Buscemi, Coordinatore MAIE Venezuela e area andina, organizzatore del Congresso, ha presentato una relazione sulla crescita ed organizzazione del Movimento Associativo nelle circoscrizioni consolari di tutta l’area di sua competenza, e ha sottolineato la necessità di avere nuovi collaboratori per poter estendere la presenza del MAIE in ogni spazio possibile.Era presente, tra gli altri, Johnny Margiotta, Coordinatore MAIE Maracaibo, che ha parlato del lavoro finora svolto per coinvolgere le nuove generazioni, sia attraverso l’uso dei nuovi media, dei social network,  sia  attraverso la partecipazione attiva nelle associazioni, di cui è un esperto conoscitore.

Anche il consigliere CGIE, Ugo Di Martino,Vicecoordinatore MAIE per il Venezuela e area andina, che  ha partecipato ai lavori del congresso, si è detto molto soddisfatto di avere trovato nel MAIE un progetto in cui credere: “Il MAIE – ha detto, il consigliere – è l’unico strumento politico che realmente ci rappresenta dentro e fuori dalle Istituzioni, essendo esso stesso composto da italiani residenti all’estero. Il MAIE è il progetto in cui credo.”

Gino Amoretti, Coordinatore MAIE Perù, ha letto il messaggio inviato da Giacomo Canepa, consigliere CGIE, rivolto in  particolare al Presidente Merlo e al “suo collega De Martino”ai quali ha augurato “ buon lavoro insieme alla magnifica collettività  italo – venezuelana”. Nel messaggio Canepa ha anche confermato il suo fermo sostegno “ a chi come voi lavora per gli italiani all’ estero, senza nessun interesse personale, proprio come ha insegnato l’On. Mirko Tremaglia – l’unico politico italiano che ha dedicato tutta la sua vita agli italiani residenti all’estero –  e a chi rappresenta i principi morali che mi sono stati insegnati dai miei genitori"

Ricardo Merlo ha chiuso il Congresso dopo aver ratificato le nomine dei nuovi coordinatori dell’area andina: Ugo Di Martino vice coordinatore del MAIE Venezuela, Johnny Margiotta (MAIE Maracaibo) e Mario Zito Coordinatore di Bogota (Colombia).  Infine, si è intrattenuto con i giovani dell’AGIV, associazione presieduta da Johnny Margiotta, con i quali ha avuto un cordiale scambio di idee e che gli hanno presentato alcune loro proposte.

NESSUN COMMENTO

Comments