Italiani all’estero, Berardi (PdL): Rai Internazionale non può chiudere

"Dinanzi all’annuncio di probabili forti tagli a Rai Internazionale, come rappresentante in Parlamento di tantissimi italiani residenti all’estero, non posso non esprimermi a favore del mantenimento del canale internazionale della televisione pubblica italiana come punto di riferimento sostanziale per i nostri connazionali. Ha ragione chi sostiene che, chiudendo il canale Rai diffuso nel mondo, si rischia di togliere voce all’Italia che all’estero vive e lavora, a quei tanti italiani che, pur se lontani dalla madre patria, desiderano continuare ad essere informati e anzi, spesso, seguono l’attualita’ e la politica italiana più di quanto facciano certi italiani residenti nel BelPaese, persi nei contenitori televisivi ai limiti del disimpegno culturale e sempre più lontani dalla politica". Cosi’ Amato Berardi, deputato PdL eletto nella ripartizione estera Nord e Centro America, che prosegue: "Penso che chiunque rappresenti a Roma il mondo dell’emigrazione, si debba battere con forza per evitare, nel limite del possibile, che Rai Internazionale venga cancellata. Come potremmo anche solo immaginare di non avere più il nostro canale Rai all’estero? Come farebbero milioni di italiani nel mondo a seguire le tante vicende italiane, senza Rai Internazionale, che per molti di loro rappresenta l’unico filo diretto con il BelPaese?". "Certo – concede Berardi – le nuove tecnologie aiutano moltissimo, attraverso internet e’ possibile seguire in tempo reale cio’ che accade in Italia e nel resto del mondo, basta un clic e l’informazione e’ a portata di mano. Ricordiamoci pero’ che non sono pochi gli italiani nel mondo, in particolare quelli più anziani, che ancora non hanno confidenza con il pc e per i quali davvero la televisione, e quindi Rai Internazionale, e’ di fondamentale importanza". "E poi pensiamo anche a noi parlamentari eletti all’estero: se non ci fossero le testate dedicate, se non ci fosse Rai Internazionale, chi si occuperebbe tutti i giorni di noi? Chi seguirebbe le nostre iniziative sul territorio e quelle di tutti gli italiani nel mondo? Chi trasmetterebbe il messaggio della nostra visione politica ai cittadini elettori? No – conclude Berardi -, Rai Internazionale non puo’ chiudere. Auspico con forza che se ne rendano conto in tempo coloro che gestiscono le risorse pubbliche e che, pur dovendo razionalizzare la spesa, hanno il dovere morale di mantenere vivo il legame di chi è emigrato con la madrepatria lontana".

NESSUN COMMENTO

Comments