Italiani all’estero, Aida in Venezuela: Scotti risponde a Zacchera

Il Governo italiano è "ampiamente disponibile" a valutare i progetti dell’Associazione italianisti di Anzoategui per la diffusione dell’italiano in Venezuela: lo ha annunciato il sottosegretario agli esteri Vincenzo Scotti nella risposta all’interrogazione presentata dall’onorevole Zacchera (Pdl).

Zacchera, in particolare, aveva segnalato la nascita di questa nuova associazione di italo-venezuelani che, scriveva nell’interrogazione, "vorrebbe potenziare l’insegnamento dell’italiano per i ragazzi e gli adulti nonché puntare ad introdurre lo studio della lingua italiana presso la facoltà di lingue moderne all’Università di Oriente". Il deputato, che alla Camera presiede il Comitato per gli italiani nel mondo, chiedeva di sapere se, nonostante le difficoltà economiche del Mae, alla Farnesina ritenessero "possibile aiutare questa spontanea ed interessante nuova associazione culturale".

L’Associazione italianisti di Anzoategui, gli ha risposto Scotti, "risulta iscritta nel registro delle associazioni italiane del consolato generale di Caracas. Il Governo italiano, tenuto conto della qualità delle attività proposte e considerate le risorse disponibili, esprime la più ampia disponibilità a valutare progetti che sostengano la diffusione ed il potenziamento dello studio della lingua italiana sia nelle istituzioni scolastiche che negli atenei venezuelani, ove si registra la presenza di numerosi connazionali. In tale contesto – ha concluso il sottosegretario – potranno anche essere valutati eventuali progetti proposti dalla nuova associazione culturale AIDA".

NESSUN COMMENTO

Comments