Italiani all’estero, Terzi a Londra per Conferenza pro-Somalia

ROMA 17/11/2011 SENATO DELLA REPUBBLICA - DISCORSO DI INSEDIAMENTO E PROGRAMMATICO DEL NEO GOVERNO MONTI - PAOLA SEVERINO E TERZI SANT AGATA - FOTO LINGRIA/PHOTOVIEWS - ROMA 17/11/2011 SENATO DELLA REPUBBLICA - DISCORSO DI INSEDIAMENTO E PROGRAMMATICO DEL NEO GOVERNO MONTI - IL DISCORSO DI MARIO MONTI CON I MINISTRI - FOTO LINGRIA/PHOTOVIEWS - fotografo: LINGRIA/PHOTOVIEWS

53 delegazioni tra governi e organizzazioni internazionali parteciperanno il 23 febbraio alla Conferenza di Londra, che ha come obiettivo quello di dare impulso agli sforzi della comunità internazionale a favore della soluzione della crisi in Somalia. Durante i lavori si cercherà di fare il punto della situazione e si discuterà sulle strategie migliori da adottare su tre pilastri della strategia internazionale: il processo politico di riforme in corso (soprattutto rinnovo del Parlamento e stesura di una Costituzione), che dovrebbe culminare entro il 30 agosto; la sicurezza nel Paese e la stabilità e sviluppo nelle varie realtà regionali e locali somale. Proprio per quanto riguarda questo ultimo aspetto, si sta studiando uno strumento per assicurare maggiore trasparenza nella gestione fondi e di conseguenza massimizzare l’efficacia e l’impatto degli aiuti evitando interventi doppioni.

A rappresentare l’Italia a Londra ci sarà il ministro degli Esteri, Giulio Terzi Sant’Agata. Il nostro è uno dei Paesi che più si sta impegnando per la soluzione della crisi in Somalia in ambito politico, diplomatico e finanziario. Proprio l’Italia, infatti, ha proposto e sostenuto in Europa l’istituzione di un inviato speciale europeo.  Non solo: l’Italia sostiene le istituzioni di Mogadiscio, le forze armate locali e la missione Amisom dell’Unione africana, in maniera molto attiva. Inoltre la Farnesina, con la direzione generale per la Cooperazione allo sviluppo (Dgcs), ha dato il via a diverse iniziative sia sul versante dell’emergenza (distribuzione di aiuti alimentari e generai di prima necessita’ a seguito della carestia che ha colpito il Corno d’Africa) sia su quello degli interventi su sanita’, minori e multisettoriali.

NESSUN COMMENTO

Comments