Italiani all’estero, più risorse alla Giustizia: Farina (Pd) ottiene il sì del Governo

Nel corso dei lavori parlamentari della scorsa settimana, l’Onorevole Gianni Farina, deputato Pd eletto nella ripartizione estera Europa, ha illustrato in Aula un ordine del giorno sulla giustizia, sottoscritto anche dalle colleghe Marilena Samperi e Donatella Ferranti. Nella stessa seduta, alla quale ha presenziato il sottosegretario all’Economia e alle Finanze, Giuseppe Vegas, il governo ha accolto la richiesta del parlamentare del Partito democratico eletto in Europa, la quale impegna l’Esecutivo a realizzare un piano di intervento organico e razionale per la riforma della giustizia.

L’iniziativa è stata portata in Aula poiché la politica economica sin qui seguita dal Governo non appare adeguata a risolvere efficacemente i problemi del Paese. Per l’Onorevole Farina “occorre invece porre in essere una decisa opera di razionalizzazione della spesa, interventi normativi in materia di giustizia, nonché una ricerca di soluzioni che valorizzino la continuità con il passato”.

Nel testo dell’ordine del giorno si legge che “la ripresa economica dovrebbe essere favorita anche attraverso investimenti volti a migliorare e a rendere efficiente il servizio giustizia”. L’Onorevole Gianni Farina denuncia la mancanza dei “necessari accantonamenti per finanziare prioritari interventi strutturali e organizzativi urgenti ed indifferibili”.

Infatti lo stanziamento complessivo per il comparto “subisce – sottolinea Farina – un taglio molto pesante: è prevista una riduzione dal venti al quaranta per cento sul 2010, nonché una riduzione per il 2009 di oltre 600 milioni di euro rispetto al 2008, sia per spese di investimento che per spese correnti”.

NESSUN COMMENTO

Comments