Italiani all’estero, al via la plenaria CGIE. Carozza, ‘elezioni prima possibile’

Comincia oggi – e si chiuderà venerdì – la assemblea plenaria del CGIE, il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, nella sala conferenze internazionali del ministero degli Esteri. Lunedì sono iniziati alla Farnesina i lavori delle Commissioni.

Ieri, martedì, il Comitato di Presidenza del CGIE è stato ascoltato in Parlamento. Una consuetudine, ormai. Si è tenuta così l’audizione in Senato di fronte al Comitato per le Questioni degli Italiani all’Estero presieduto da Claudio Micheloni (Pd); subito dopo il Cdp si è trasferito alla Camera, per un incontro con il Comitato italiani nel mondo e promozione Sistema Paese, presieduto in Commissione Esteri da Fabio Porta (Pd).

Il segretario generale del CGIE, Elio Carozza, in vista della plenaria del Consiglio, spiega: “Ci prepariamo all’assemblea plenaria, che sarà l’ultima dell’anno, e dunque dobbiamo preparare bene le elezioni", quelle che serviranno per rinnovare Comites e CGIE. "Parleremo anche – ha aggiunto Carozza – delle elezioni europee, dell’affluenza, dei risultati e degli investimenti fatti".

Per ciò che riguarda il rinnovo degli organismi di rappresentanza degli italiani nel mondo, Comites e CGIE appunto, “si parlerà del decreto al quale devono dare il parere alla Camera e sul quale difenderemo le nostre idee, cercando di andare a elezioni il prima possibile".

Durante la prima giornata di plenaria il governo sarà presente: "chiederemo di dare un’accelerazione in un calendario determinato per le elezioni del nuovo CGIE – ha annunciato Carozza – e la presa in considerazione dei punti che noi solleveremo tra cui quello sui giovani, quello sulla differenziazione delle commissioni continentali e quello sulla rappresentanza".

La plenaria inizierà, come di consueto, con le relazioni del Governo, del Comitato di Presidenza e gli interventi dei parlamentari inviati da Camera e Senato. I lavori riprenderanno giovedì mattina con l’indirizzo di saluto del Sindaco di Zagabria – città che ha ospitato la Continentale Europa, Nord Africa – Milan Bandic.

All’ordine del giorno i pareri del Cgie sulla Regolamentazione delle consultazioni elettroniche all’interno del CGIE; Elezioni Comites e rinnovo CGIE; Interventi dei Vice Segretari Generali. Nel pomeriggio, sono previsti, invece, gli interventi dei Presidenti delle Commissioni Tematiche e delle Regioni; una breve presentazione della Carta Turistica Socio Estero Touring Club da parte di Paolo Sozzi; dibattito sugli Stati Generali sulla lingua e cultura italiana all’estero.

Venerdì 30, ultimo giorno di plenaria, i lavori riprenderanno la mattina con il dibattito sulle riforme costituzionali e i loro effetti su Circoscrizione e parlamentari eletti all’estero; nuove convenzioni internazionali sulla sicurezza sociale; Rete e servizi consolari; Nuove migrazioni; Informativa da parte del Vice Segretario Volpini sugli Stati Generali dell’Associazionismo. Come di consueto, nel pomeriggio di venerdì si riunirà il Comitato di Presidenza che, di fatto, chiude i lavori del Consiglio. 

IL CGIE DA PAPA FRANCESCO Nella mattinata di mercoledì 28 maggio, i consiglieri del CGIE saranno in piazza San Pietro, in Vaticano, per assistere alla messa celebrata da Papa Francesco.

NESSUN COMMENTO

Comments