Italia fragile e declassata – di Carlo Di Stanislao

?????????????????????????????????????????????????????????

Ci si attendeva un declassamento da parte di Moodys ed invece, a sorpresa, è giunto quello di Standard & Poor’s, che  ha annunciato la decisione di tagliare di un gradino (un “notch” come si dice in gergo), il voto sul debito pubblico italiano. Le prospettive future per l’Italia, ha spiegato nella sua nota l’agenzia americana di rating, che ha portato il debito pubblico sovrano del nostro Paese a breve e lungo termine da A+ ad A e da A-1+ a A-1, sono del tutto negative a causa di un governo debole e di una crescita praticamente pari a zero.

Il giudizio negativo, quindi, è economico e politico ed investe il sistema-paese, arretrato e privo di credibile professionalità e classe dirigente. Nella sua nota l’agenzia americana scrive anche che la debolezza dell’attuale governo è tale da limitare “la capacità di risposta dello Stato” nell’affrontare la crisi; sulla manovra S&P sostiene che le misure allo studio e le riforme prospettate “riusciranno probabilmente a fare ben poco per rilanciare le performance di crescita dell’Italia”. Per S&P l’Italia è oltre il punto di non ritorno e questo a causa di debolezze governative e strutturali. Il declassamento del debito sovrano rimette l’Italia al centro della crisi dell’eurozona, scrive il Financial Times:  "Il downgrade  ancora una volta spinge l’Italia al centro della crisi dell’eurozona dopo diversi giorni di intense preoccupazioni per le prospettive di un imminente default della Grecia". Inoltre, osservano molti analisti, il taglio del rating sul debito italiano da parte di S&P, aumenta i timori di un effetto contagio della crisi greca nell’area euro, incoraggiando gli investitori a puntare su mercati piu’ sicuri. Dal canto suo Palazzo Chigi ha replicato affermando: "Il governo ha sempre ottenuto la fiducia dal Parlamento, dimostrando così la solidita’ della propria maggioranza. Le valutazioni di Standard & Poor’s sembrano dettate piu’ dai retroscena dei quotidiani che dalla realta’ delle cose e appaiono viziate da considerazioni politiche. Vale la pena di ricordare – aggiunge la nota –  che l’Italia ha varato interventi che puntano al pareggio di bilancio nel 2013 e il governo sta predisponendo misure a favore della crescita, i cui frutti si vedranno nel breve-medio periodo".

Il Pd ha espresso invece forte preoccupazione e, avverte il Sole 24 Ore, questa mattina il segretario Pier Luigi Bersani ha riunito i sindaci, i presidenti di provincia del centro sinistra e i capigruppo di Camera e Senato per affrontare l’allarme sui tagli ai servizi locali decisi dalla manovra e più tardi si incontrerà con i segretari regionali. Alla riunione parteciperanno tra gli altri il presidente dell’Emilia Romagna, Vasco Errani, quello della Toscana, Enrico Rossi, il presidente della provincia di Roma, Nicola Zingaretti, e il sindaco di Torino, Piero Fassino.

Sulla vicenda del taglio di S&P è intervenuto anche Stefano Fassina, responsabile Economia e Lavoro dei democratici, che pur sottolineando “i limiti” delle valutazioni delle agenzie di rating, giudica “condivisibili” i criteri che hanno condotto al declassamento. “Il ministro dell’Economia ha continuato a mettere pezze a colori sulla finanza pubblica. Così, oltre al danno la beffa: dopo aver approvato una scia di manovre pesantissime ed inique che sulla carta dovrebbero portare non solo al pareggio di bilancio, ma ad un avanzo nel 2013, i conti non tornano perché l’economia va in recessione. Per uscire dalla spirale distruttiva nella quale si trova il Paese è necessaria, prima di tutto, la sostituzione del governo Berlusconi con un esecutivo credibile, affidabile, autorevole, ad ampia base parlamentare”. Che serva, prosegue Fassina, anche “a esercitare pressione politica su Germania e Francia al fine di dare all’area euro gli strumenti di governance per invertire la rotta della cieca austerità”.

Dopo le dure parole di Di Pietro,  ieri,  nella trasmissione di Lilli Gruber a La7, oggi il capogruppo dell’Idv Massimo Donadi ha aggiunto che “ormai è chiaro che Berlusconi tiene in ostaggio l’Italia e continua a stare a Palazzo Chigi solo per interessi privati”. Rincara la dose il  presidente del gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario: “La decisione di declassare il rating italiano è gravissima ed è la semplice dimostrazione dell’incapacità del governo di gestire la crisi, con una manovra che doveva salvare il Paese ed ha ottenuto ben altro risultato”. Il declassamento dell’Italia e la Grecia che non recupera terreno, rendono difficile la situazione europea, allarmando anche la stessa Merkel che ha dichiarato: se crolla l’Euro crolla anche l’Europa unita. Certo è che nelle prossime ore l’attenzione del mondo continuerà ad essere puntata sull’Italia.

NESSUN COMMENTO

Comments