Italia bocciata in lettere e matematica, ultimi in Ocse

Italiani bocciati sia in lettere che in matematica, piazzandosi addirittura ultimi per competenze alfabetiche, ovvero di lettura e comunicazione, tra 24 stati tra i piu’ industrializzati. Ma non va molto meglio se si guarda alla capacita’ di far di conto, con il penultimo piazzamento. I dati, arrivati da un’indagine promossa dall’Ocse e realizzata per l’Italia dall’Isfol, sono definiti ”allarmanti” dai ministri del Lavoro, Enrico Giovannini, e dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, che pero’ spiegano come il Governo abbia gia’ ”adottato diverse misure” e sia pronto anche ad adottarne delle altre per rilanciare l’istruzione.

Guardando piu’ da vicino le cifre, gli italiani, in una scala che va da zero a 500, nelle abilita’ alfabetiche, fondamentali per vivere e lavorare, riescono a raggiungere un punteggio pari solo a 250, contro una media Ocse di 273, capitanata da Paesi come il Giappone e la Finlandia. La situazione peggiora scendendo al Mezzogiorno e il confronto internazionale diventa piu’ duro se si analizzano le competenze dei laureati. Infatti l’Isfol evidenzia come ”il deficit del nostro Paese e’ piu’ accentuato per i livelli di istruzione piu’ avanzati”.

Tra l’altro nella Penisola solo pochi, meno del 30% degli adulti, risultano sopra la soglia che l’Ocse giudica indispensabile. E per i Neet, i giovani che ne’ studiano ne’ lavorano, la quota e’ pari ad appena il 5%. Tuttavia l’Isfol rileva anche delle piccole note positive, rispetto al passato: ”si riscontra un processo di contenimento dell’analfabetismo, si riduce la forbice tra anziani e giovani”, cosi’ come si raccorciano le distanze tra uomini e donne. Passi avanti comunque ancora troppo limitati. Si tratta di numeri che per Giovannini e Carrozza impongono ”un’inversione di marcia”.

L’esecutivo si dice preoccupato soprattutto per i Neet. Con il decreto Lavoro dello scorso giugno e il decreto Scuola approvato a settembre, ”sono stati stanziati complessivamente oltre 560 milioni di euro per il triennio 2013-2015”, ricordano i due ministri che sottolineano come per identificare ulteriori interventi sia stata costituita ”una commissione di esperti”, chiamata a ”proporre specifiche misure”. L’associazione sindacale Anief intanto sollecita ”obbligo dell’istruzione a 18 anni, piu’ ore in classe e riforma dell’apprendistato”; mentre il leader di Sel, Nichi Vendola, ritiene necessario un ”piano straordinario”.