Inter sconfitta in casa dal Novara per 1 a 0 (VIDEO), Ranieri deluso

Milano, 12 feb (TMNews) - "Abbiamo imperversato e non abbiamo fatto gol. In un periodo così questo dà ancora più fastidio. Ma oggi non ho nulla da rimproverare alla squadra, dobbiamo stare sereni e non bisogna mollare mai". Dopo l'inattesa sconfitta in casa con il Novara, Claudio Ranieri non se la sente di criticare la sua squadra. Il tecnico dell'Inter analizza la gara: "Sapevamo che avremmo incontrato una squadra chiusa che riparte in contropiede - dice Ranieri -, dovevamo trovare il varco giusto". L'allenatore romano spiega i cambi effettuati nella ripresa. "Vedevo grosso possesso palla ma mi mancava un'altra punta - afferma Ranieri -. Ho iniziato con il solo Milito perché Pazzini in settimana non stava tanto bene per l'influenza. Poi nella ripresa abbiamo spinto, abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare ma in contropiede Caracciolo ha segnato un grande gol: bene per lui e male per noi". Ranieri fa sua la massima di Vujadin Boskov per commentare il contatto in area fra Poli e Garcia: "Rigore c'è quando arbitro fischia". L'Inter è stata anche sfortunata: "Abbiamo fatto qualcosa come 20 tiri in porta, abbiamo colpito, mi sembra, il tredicesimo palo della stagione. E' un momento così, prima le cose andavamo bene e ora no - continua il tecnico -. Dobbiamo stare vicini a questi ragazzi". Ranieri esclude poi il possibile addio di Sneijder, accostato ai russi dell'Anzhi: "Proprio ieri gli ho chiesto se si sente importante e lui ha detto che sta bene qui - conclude l'allenatore -. Oggi è stato un gran punto di riferimento".

Inter sconfitta a San Siro dal Novara per 1 a 0. Nerazzurri apparentemente in caduta libera, ultimamente non ne azzeccano una: 3 sconfitte nelle ultime 4 gare. Claudio Ranieri è deluso: "È un momento cosi’, dobbiamo stare vicino a questi ragazzi". Comunque "ogni partita ha una storia a sè, sulle altre perse abbiamo messo una pietra sopra". Questa volta "sapevamo che incontravamo una squadra che si sarebbe chiusa per ripartire in contropiede. Avevamo un gran possesso di palla, ma mi mancava la seconda punta. Pazzini non e’ stato granche’ bene in settimana, Milito faceva un gran lavoro, pero’ dentro dovevamo mandare o Cambiasso o Poli. Nel secondo tempo ho messo Pazzini ed abbiamo spinto e fatto tutto quello che potevamo fare. Il Novara pero’ si chiudeva bene e ripartiva in contropiede, ed in uno di questo Caracciolo ha fatto un gran gol. Noi abbiamo fatto venti tiri, anche se preso poco la porta, e colpito il 13esimo palo della stagione".

Inter sfortunata, insomma. E si sa che nel calcio anche la fortuna ha un ruolo importante. Allo stesso modo, giocare bene non basta: bisogna saper conquistare il risultato. E l’Inter nelle ultime settimane non riesce a farlo. Tanto che uno dei tifosi interisti più agguerriti, Valentino Rossi, si chiede: "Ma perchè abbiamo venduto Thiago Motta?".

NESSUN COMMENTO

Comments