Inflazione frena leggermente a gennaio, ma la spesa è più cara del 4,2%

L’inflazione a gennaio frena leggermente, passando al 3,2% dal 3,3% di dicembre. Ma resta ampia la forbice tra il livello complessivo dei prezzi al consumo e il carrello della spesa, ovvero l’insieme dei prodotti acquistati con maggiore frequenza, dagli alimentari ai carburanti, rincarato del 4,2% su base tendenziale. Secondo il termometro dell’Istat, che oggi ha confermato le stime provvisorie diffuse a inizio mese, a segnare i rialzi piu’ forti sono, infatti, il diesel, la benzina, il caffe’, e ancora luce, gas e riscaldamento; insomma tutti esborsi a cui e’ difficile sottrarsi. Tanto che i consumatori prevedono per l’anno in corso forti stangate sui bilanci delle famiglie.

Guardando nel dettaglio le cifre dell’Istat sui rincari, a gennaio spicca il +25,2% segnato dal gasolio per auto, si tratta del livello piu’ alto dal luglio del 2008. E non e’ da trascurare anche il +17,4% della verde. Ma e’ in generale tutto il capitolo energia a mettere a segno una vera e proprio fiammata: stando sempre ai dati tendenziali, l’elettricita’ sale dell’11,2%, il gas naturale del 16% e il gasolio da riscaldamento del 15,2%. In generale, analizzando i settori, sono le spese per l’abitazione (dagli affitti alle bollette) a far segnare il rialzo maggiore (+7,4%), seguiti da trasporti, alcolici e tabacchi. A livello territoriale, invece, i rincari piu’ forti l’Istituto di statistica li ha rilevati a Potenza (+5,0%), L’Aquila e Venezia (per entrambe +4,0%).

A gennaio, quindi, l’inflazione fa un passetto indietro ma non tale da cambiare le carte in tavola. E febbraio sul fronte prezzi, viste le complicazioni provocate dal maltempo, non promette bene.
Ecco che le reazioni dei consumatori non sono positive: il Codacons calcola ‘una stangata che, per il solo carrello della spesa, equivale per una famiglia di tre persone a un aggravio di 567 euro su base annua, e per una di quattro a 613 euro’.

Ancora peggiori sono le previsioni di Federconsumatori e Adusbef: ‘Gli aggravi per le famiglie saranno di oltre 1.218 euro annui’. Le associazioni degli agricoltori, con Cia e Confagricoltura, puntano il dito sul rialzo di benzina e diesel; mentre Coldiretti fa notare che se da una parte vola il prezzo di caffe’ (+16,5%) e zucchero (+15,9%), dall’altra calano rispetto allo scorso anno dell’8,7% le quotazioni per le verdure e del 2% per la frutta fresca, ‘nonostante lo sciopero dei Tir e il maltempo’, che pero’ si fara’ sentire ancora, e probabilmente soprattutto, sul mese in corso.

NESSUN COMMENTO

Comments