Imu italiani all’estero, Scalavino (IdV): Italiani nel mondo considerati da Monti cittadini di serie B

Esprimo, a nome mio e di Italia Dei Valori – Regno Unito, la soddisfazione per l’adesione del Comites di Londra, annunciata alcuni giorni fa, alla protesta promossa dal Comites di Zurigo contro la tassazione IMU per gli italiani residenti all’estero. Le modalità con cui il governo Italiano vorrebbe applicare la tassazione dimostrano ancora una volta come l’Italia consideri noi italiani all’estero cittadini di serie b. É impossibile immaginare per quali motivazioni gli italiani all’estero dovrebbero pagare più dei cittadini residenti in Italia, senza alcuna considerazione sulla varietà di situazioni e problematiche in cui si possano trovare. Eppure devo purtroppo anche notare come siano pochissimi i Comites che hanno aderito a questa iniziativa. Sarebbe stata questa un’importante occasione per fare sentire la voce degli italiani all’estero unita tramite i propri organismi di rappresentanza, per quanto ormai da anni in attesa di un rinnovo per l’ennesima volta rinviato. È necessario rendersi conto che per mantenere attivi i servizi all’estero ed evitare ulteriori discriminazioni in fase legislativa, tutti gli italiani all’estero debbano fare gioco di squadra, protestare uniti contro ogni ingiustizia che, come in questo caso, sembra volerci allontanare a forza dal nostro Paese”. Così Enrico Scalavino, Presidente del Circolo di Italia Dei Valori – Londra e componente del direttivo di Italia Dei Valori – Regno Unito.

NESSUN COMMENTO

Comments