Immigrazione, “tutto il mio sostegno a Minniti”: parla Milena Gabanelli

“Ben venga un Ministro come Minniti, uno può essere più o meno d'accordo con lui, man ha una strategia chiara, una competenza, e agisce”

“Il dato certo è che gli sbarchi sono diminuiti. Le ragioni le sappiamo: da una parte il nastro trasportatore un po’ si è rallentato perché sono state introdotte delle regole, dall’altra c’è questo freno che proviene dall’accordo fatto con la guardia costiera libica. A questo accordo non c’era alternativa, il mio sostegno al Ministro Minniti è totale”. Così Milena Gabanelli sull’emergenza immigrazione.

Parlando a Radio Cusano Campus, la giornalista prosegue: “Intanto limitiamo il problema, stiamo arrivando alle elezioni, meglio non avere ventate populiste. Il vento in Italia è cambiato perché è arrivata una persona, Minniti, che sa cosa voglia dire gestire situazioni complesse”.

Milena Gabanelli apprezza il lavoro di Minniti: “Ben venga un Ministro come Minniti, uno può essere più o meno d’accordo con lui, man ha una strategia chiara, una competenza, e agisce. La legalità è come il lavoro, è neutro, non può essere di destra o di sinistra. Poi ci sono le derive populiste, che invece sono sia di destra che di sinistra. Da una parte i muscolari che dicono di chiudere le frontiere ma non hanno mai fatto nulla di tutto questo, perché non sono in grado di farlo, e le anime belle che parlano di frontiere aperte, ignorando che la frontiera aperta significa fine del sistema del welfare. E’ questo che vogliamo?”.

“La gestione dei flussi – sottolinea – è un problema come tutti gli altri, va governato con competenza. Il problema deve essere gestito in prima persona dallo Stato, questo mi auguro che sia il prossimo passo di Minniti. Dopo aver rallentato i flussi bisogna stabilire una modalità di accoglienza che sia degna di questo nome, per non riempire il Paese di disgraziati”.

Comments