Ileana Argentin (Pd), ecco perché le donne del partito sono arrabbiate coi vertici dem

“Sono stati premiati gli adepti. Le donne che manifestano fanno bene. Non ho firmato solo perché ho paura di essere vista come una rosicona, come si dice a Roma".

Ileana Argentin (Pd) sulla situazione all’interno del Partito Democratico: “Cosa è successo alle donne del Pd e perché sono furibonde con i leader? E’ stato fatto un gioco molto sporco nella composizione delle liste. Se voi pensate che la Madia è stata messa in quattro collegi e ne ha vinto uno… E’ chiaro che al suo posto sono entrati tre uomini. Vale anche per la Cirinnà e per tante altre”.

“Detesto l’idea che pur sapendo che quei posti sarebbero andati agli uomini, sono stati accettati. Le nostre leader – sottolinea Argentin a Radio Cusano Campus – non sono soltanto Madia, Boschi e Cirinnà. Ci sono tante donne che avrebbero potuto fare la differenza eppure non sono state candidate”.

Insomma, “sono stati premiati gli adepti. Le liste sono state composte pensando ‘entrano i miei e non i vostri’. Non riesco a capire come Renzi abbia potuto credere che alcune persone potessero veramente fare la differenza. Hanno portato soltanto una manciata di voti qua e là. Non è stata fatta la programmazione del consenso, non c’è stato niente di attento verso un partito, si è risposto soltanto agli interessi di un cerchio magico che è sempre il solito. Le donne che manifestano fanno bene. Non ho firmato solo perché ho paura di essere vista come una rosicona, come si dice a Roma”.

Comments