Il sangue italiano riscalda un freddo sabato argentino

“Quella di sabato 16 luglio è stata una delle giornate più fredde dell’inverno argentino 2016, ma il ribollente sangue italiano che scorre nelle vene dei residenti a José C. Paz e vicinanze ha riscaldato il salone del Club Italiano di José C. Paz, dove si è svolta la riunione convocata dal Parlamentare italo-argentino nel Parlamento italiano, On. Ricardo Merlo, Presidente del MAIE-Movimento Associativo Italiani all’Estero, e dal Presidente del COMITES di Buenos Aires, Avv. Dario Signorini. Sono stati presenti anche i Consiglieri del COMITES Norma Negro, Mario Milano e Antonio Groppa”. E’ quanto si legge in una nota.

“Il Presidente del Club, Olinto Donati, e i membri del Comitato Direttivo hanno dato il benvenuto e si sono manifestati onorati di ricevere i rappresentanti eletti dal voto popolare.

L’incontro è stato voluto dall’On. Merlo per riferirsi al prossimo referendum abrogativo riguardante le riforme costituzionali, l’attuale situazione politica italiana, i rapporti con il Governo Argentino ed il resto del mondo e altri temi che interessano gli italiani e i residenti all’estero.

Dal canto suo, l’Avv. Dario Signorini ha comunicato ai presenti l’accordo firmato con l’Ospedale Italiano -argomento sul quale tanti si sono interessati-, lo stato in cui si trova attualmente il Monumento a Cristóforo Colombo che il precedente Governo Argentino ha tolto dal posto in cui era stato innalzato originariamente, il lavoro che stanno svolgendo le varie Commissioni del COMITES e i progetti da attivare.

L’occasione è stata colta dai presenti per proporre dei quesiti, che hanno meritato l’attenzione e le risposte sia del On. Merlo, sia del Avv. Signorini, come dei membri del COMITES.

La riunione è trascorsa in un clima di mutuo rispetto e cordialità che evidenziava il desiderio di una comunità lungamente trascurata e lasciata in disparte, ma desiderosa di trovare soluzioni alle proprie difficoltà e di partecipare alla vita attiva della collettività”.

NESSUN COMMENTO

Comments