“Il Pd e gli italiani nel mondo, una legislatura feconda”: attività, confronto, programma

I deputati dem eletti oltre confine: “All’appuntamento presenti alcuni tra i maggiori dirigenti del PD, a livello di partito e di incarichi istituzionali”

“Il convegno organizzato dal Gruppo del Partito della Camera ”Il PD e gli italiani nel mondo. 2013-2017: Una legislatura feconda” rappresenta un’occasione di approfondimento e di riflessione che va oltre il sia pur doveroso rendiconto dell’attività svolta dal maggior partito italiano a favore degli italiani all’estero”. Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati del Pd eletti all’estero, Farina, Fedi, Garavini, La Marca, Porta, Tacconi.

“Esso, infatti, sarà anche un momento di dialogo con un nutrito gruppo di persone che, vivendo e lavorando fuori d’Italia, conoscono dall’interno le situazioni di cui si parlerà e potranno dare un contributo di esperienza alla definizione di un programma calibrato e realistico per la prossima legislatura. Vi sarà la presenza, inoltre, di alcuni tra i maggiori dirigenti del PD, a livello di partito e di incarichi istituzionali, che sottolinea la svolta profonda maturata in questi anni nei confronti della presenza vecchia e nuova degli italiani nel mondo, assunta come un volano essenziale della promozione del Paese in ambito globale. Per tanto tempo se n’è parlato retoricamente, ora finalmente si è iniziato a ragionare in termini di interventi finalizzati e di politiche integrate”.

“Il Pd e gli italiani nel mondo, una legislatura feconda”: IL PROGRAMMA

“I profili secondo i quali si guarderà a questi temi sono molteplici: l’Italia nel mondo; mobilità e diritti; rinnovamento dell’Italia e suo rilancio nel mondo; la presenza organizzata del PD all’estero”.

“Dall’intreccio di più esperienze, responsabilità e voci – sottolineano in conclusione i deputati dem – potrà venire quel rafforzamento nei rapporti e quella svolta di attenzione e di impegno, che con sempre maggiore evidenza ci vengono richiesti nel corso dei nostri quotidiani rapporti con le comunità. Come ha già dimostrato con i fatti in questi ultimi anni, il PD saprà corrispondere con onestà a queste attese”.