Il leghista Salvini, ‘dopo le Regionali nascerà un nuovo centrodestra’

Adriana Poli Bortone? "Va benissimo", "convintissimo. Pur di mandare a casa i Vendoli e gli Emiliani, che poi sono la stessa cosa, noi siamo d’accordo. Purché non ci siano gli Alfani". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini in una intervista al Corriere della Sera nella quale in merito al caso Schittulli-Fitto sottolinea: "Non c’è dubbio che Silvio Berlusconi sia mal consigliato. E purtroppo Forza Italia, sul territorio, è davvero divisa. Il problema esiste".

Afferma di non essere preoccupato "per niente. Il bello di questo momento è che noi stiamo costruendo un modello del tutto alternativo a quello di Matteo Renzi. Un modello che cresce, diverso da tutti quelli passati. Il 31 maggio ci saranno le elezioni regionali e amministrative. E dal primo giugno, cambia tutto. Il centrodestra ripartirà su basi e con prospettive del tutto diverse da quelle che ci sono state fino ad oggi". E aggiunge riferendosi alla Liguria: "Io sono orgoglioso di essere il segretario di un movimento assolutamente compatto. Una forza che dimostra di essere capace di fare quello che non riesce a nessuno. Quando noi dobbiamo fare un passo avanti, lo facciamo. Ma siamo anche capaci di fare il passo indietro. Tutti insieme, e senza confusioni. E se qualcuno prova a fare confusione, questo movimento fa fare al responsabile un passo fuori dalla porta. Io penso davvero che il momento economico sia troppo delicato per stare a perdere tempo".

"Ma che destra spinta… Noi non siamo solo manifestazioni contro i rom. Nei prossimi giorni sarò in Confindustria a Rovigo, e poi con imprenditori in Brianza, e avvocati e commercialisti. Io penso che Vladimir Putin sia il leader mondiale con le idee più chiare, e le sanzioni contro la Russia siano demenziali. Ma questa estate andrò a Washington. La stiamo preparando. A noi non interessa il derby Usa-Russia. Vogliamo dialogare con tutti". "Era evidente che le sanzioni Usa contro Cuba non avessero più senso. Ma doppiamente demenziale è aprire un fronte contro la Russia. Per quanto riguarda l’Italia, queste sanzioni inutili e idiote ci costano tre miliardi".

NESSUN COMMENTO

Comments