I nostri politici vadano negli ospedali, non in tv – di Leonardo Cecca

In questo periodo il fiorentino venditore di mercato, che continua a sbraitare ai quattro venti che lui va avanti comunque, ne ha inventata una nuova: "Abbiamo preso l’Italia per mano e la portiamo fuori dalla palude, nessuno si senta escluso"; e intanto, per non smentirsi, continua a presenziare a qualsiasi evento, fra poco inaugurerà anche le feste paesane con i tornei di briscola annessi.

La ricerca di visibilità, ormai, è un imperativo in questa classe politica: abbiamo infatti un neo Capo di Stato, che con tanta ed a volte scomposta sobrietà, cerca anche lui un ritaglio di scena, ministri e politicanti pronti a discutere su tutto e sul nulla, magistrati che cercano con ogni mezzo di difendere la loro sacralità, amministratori periferici che attualmente cercano di far quadrare i conti specialmente quelli relativi alle riunioni, anche se molte volte sono i propri.

Nessuno di costoro si è preso il "diletto" di visitare un ospedale, non uno di grido o di eccellenza, ma gli altri, ove c’è gente ammassata nei corridoi con tanto di flebo e cannule di ossigeno e molti "Pronto Soccorso" che hanno tutte le sembianze di una baraccopoli ove c’è di tutto, anche sporcizia, ma a volte sono senza siringhe. Ebbene egregi signori superpagati, superdeliziati da tanti privilegi, fate uno sforzo, magari pagato anche con lo straordinario, ed andate in questi luoghi di cura e di sofferenza e magari, in tale occasione, vi renderete conto come male è riposta la fiducia che vi hanno dato i vostri elettori.

Se le vostre gravose incombenze non vi permettono queste visite rammentatevi che in passato c’è stato un ministro che di notte trovava il tempo per farle; se proprio il tempo è tiranno guardatevi ogni tanto il programma "Striscia la notizia", così oltre a documentarvi su tanto schifo vi porrete anche la domanda, che comporta una risposta molto semplice: come mai ci sono enormi differenze di prezzo sui materiali acquistati dalle varie ASL? Possibile che nessun magistrato abbia il tempo di metterci il naso? Come la mettiamo signori politicanti e amministratori?

NESSUN COMMENTO

Comments