Grecia, fumata nera a sinistra: ancora niente governo

LaPresse 05-05-2012 Politica Grecia, domani si svolgeranno le elezioni politiche A pedestrian is reflected on an election poster of Democratic Alliance party at a bus stop in Athens, Saturday May 5 2012. Greeks head to the polls Sunday in their most critical and uncertain election in decades, with voters set to punish the two main parties that are being held responsible for the country's dire economic straits.

Un’altra fumata nera, oggi, nella frenetica ricerca in Grecia di una coalizione di governo che possa riportare un po’ di stabilita’ nel Paese ancora allo sbando dopo le elezioni di domenica che hanno provocato il crollo dei due partiti tradizionali e lo smembramento della scena politica. Ma occorre fare presto anche perche’, senza un governo credibile con cui presentarsi ai creditori, questi – e la Merkel e’ stata chiara – bloccheranno i prestiti gia’ concessi (anche se domani dovrebbero arrivare 4,2 miliardi della prossima tranche di aiuti europei). Con il rischio che lo Stato ellenico fra pochi mesi non avra’ il denaro per pagare stipendi e pensioni.

Consapevole di cio’, Alexis Tsipras – leader della Coalizione delle Sinistre radicali (Syriza) impegnato oggi per il secondo giorno nelle consultazioni con i leader degli altri partiti – ha cercato persino l’appoggio del neo presidente francese Francois Hollande, chiedendogli pubblicamente un incontro. La sua speranza si e’ pero’ infranta contro il rigido protocollo dell’Eliseo che non consente al capo di Stato francese di ricevere leader di partiti.

Che i colloqui intrapresi oggi da Tsipras non andassero per il verso giusto si era gia’ capito al termine dell’incontro con Panos Kammenos, il leader dei Greci Indipendenti (33 seggi alle ultime elezioni). "Non c’e’ niente da fare, non abbiamo la maggioranza – ha detto Kammenos -. Abbiamo constatato che non c’e’ il numero sufficiente di deputati dello schieramento anti-Memorandum per costituire una maggioranza. Quindi non possiamo andare avanti e tutto e’ rinviato alla riunione che i leader dei partiti avranno presto con il capo dello Stato".

Concetto che e’ stato ribadito poco piu’ di un’ora dopo anche dal leader del Pasok, Evangelos Venizelos, il quale ha detto senza mezzi termini che "al momento attuale non ci sono possibilita’ di formare un governo di coalizione". Tsipras, ha detto Venizelos, ha ripetuto le sue due ipotesi di lavoro: o una coalizione Syriza-Nea Dimocratia-Pasok oppure Syriza al governo con l’appoggio esterno degli altri due partiti. "I colloqui devono continuare – ha detto il leader del Pasok – per evitare che il Paese debba tornare alle urne" ed ha affermato che la miglior soluzione per la Grecia, che si trova in una situazione "pericolosa", è un governo di unità nazionale a favore della permanenza nell’euro. L’uscita dall’euro, ha avvertito Venizelos, significherebbe "povertà di massa".

Del tutto inutile, invece, e’ stato l’incontro tra il leader di Nea Dimocratia, Antonis Samaras, e Tsipras, l’ultimo della giornata. Il colloquio e’ durato meno di 15 minuti. Parlando ai giornalisti, Samaras ha detto che il leader di Syriza in effetti non vuole ritrattare il Memorandum ma intende rifiutarlo del tutto. "Ma Nea Dimocratia – ha ricordato Samaras – e’ un partito filo-europeista e faremo di tutto per far rimanere la Grecia in Europa e nell’eurozona". A fine giornata e’ arrivato infine un comunicato diffuso dal partito comunista di Grecia (Kke) in cui la sua leader, Aleka Papariga, chiede "il ricorso immediato" a nuove consultazioni in risposta al caos politico che ormai regna in Grecia.

Comunque ad Atene si da’ ormai per certo che domani alle 13 Tsipras rimettera’ il mandato al presidente della Repubblica, Karolos Papoulias, il quale lo affidera’ a Venizelos che a sua volta avviera’ subito nuove consultazioni alla ricerca di una formula per formare il governo.

NESSUN COMMENTO

Comments