Governo, purtroppo Monti non ha vinto – di Giampiero Pallotta

Molte delle cose che Berlusconi dice sull’euro sono condivisibili. Gli euro-scettici stanno aumentando. Per mantenere in vita l’euro i Paesi aderenti vengono riempiti di tasse senza risolvere il problema. Per avere l’euro e’ necessario rinunciare all’autonomia, e molti Paesi non sono piu’ disposti a farlo perché gliene rimarrebbe troppo poca. Mentre nella  Bce (Banca Centrale Europea) Mario Draghi sta facendo il suo dovere tagliando di un altro 0,25% i tassi (al minimo storico di 0,75%), Mario Monti, nel secondo decreto di tagli alla spesa, quello più pesante, sta mettendo insieme cose insensate e contraddittorie che fanno temere l’ennesimo flop.

I sindacati si sono fatti i loro affari salvando i tagli dei permessi sindacali degli statali, i finanziamenti ai Caf (Centri Assistenza Fiscale) e ai patronati. Anche i piccoli ospedali sarebbero salvi: il taglio delle strutture con meno di 80 posti letto avverrà “eventualmente” in un secondo momento, dopo “attenta riflessione”. 

Nel governo Monti ci sono quelli che vogliono il “modello liberale sociale” come il Pdl e quelli che vogliono il “modello cattocomunista” come il Pd e l’Udc. Il tempo stringe. L’Europa aspetta conferme della volontà e capacità dell’Italia di proseguire nelle riforme, prima di concederle qualcosa sullo scudo “anti spread”. I mercati e gli speculatori finanziari hanno bocciato l’intesa del 29 giugno sbandierata come una vittoria di Monti sulla Merkel. I recenti dati Istat del primo trimestre, evidenziano che i conti pubblici non sono affatto in sicurezza e gli effetti positivi che si notano provengono “esclusivamente” dalle precedenti manovre di Giulio Tremonti.

L’errore del Governo d’emergenza di Mario Monti e’ stato quello di essersi lasciato trascinare nel “vecchio teatrino” invece di denunciarlo e di rifiutarlo. Concertare, negoziare, mediare su misure di emergenza porta al “disastro”. Se, dopo aver battuto i pugni sul tavolo davanti alla Merkel al Consiglio Ue, arrivando a minacciare il veto sugli altri capitoli del vertice pur di ottenere una ”promessa” per lo scudo “anti spread”, non si dimostrasse in grado di portare a casa un taglio significativo della spesa, Monti perderebbe molta della sua credibilità. Ma come, si chiederebbero i partner europei, l’Italia viene a chiederci un meccanismo per far scendere lo spread, e intanto dimostra di non procedere con la “determinazione necessaria” nella riforma della propria spesa pubblica? E’ urgentissimo “invertire la rotta” cominciando a tagliare veramente la spesa corrente e gli sprechi.

Per rilanciare l’economia sono necessarie le riduzioni di spesa pubblica per consentire una sensibile riduzione delle tasse alle imprese e ai lavoratori, ma non sembra ancora questa la strada intrapresa dal governo Monti e lo testimonia la borsa altalenante dei titoli azionari e lo spread che invece di diminuire continua ad aumentare. Prima dell’avvento di Monti lo spread alto era esclusivamente colpa di Berlusconi. Ora stiamo toccando con mano che era soltanto una calunnia. Una delle tante.

Dobbiamo ammirare l’onesta’ di Cesare Prandelli che ha ammesso di aver sbagliato nel decidere la formazione dell’ultima sfida contro la Spagna. L’ha fatta ascoltando piu’ il cuore che la razionalità delle mente.  Non ha voluto negare l’opportunità’ e l’onore ai suoi stanchi e acciaccati gladiatori di affrontare l’ultima battaglia. Se avesse sostituito alcuni di loro con altri piu’ freschi giocatori, di sicuro il risultato sarebbe stato diverso, probabilmente si sarebbe ugualmente perso (ma non e’ detto), ma di certo sarebbe stata evitata la disfatta. Facendo un parallelo con la politica, se Monti vuole che l’Italia abbia il posto che merita nel contesto mondiale, deve guidare il Paese con piu’ determinazione ribellandosi alle varie caste come hanno fatto nel primo dopo guerra persone che culturalmente erano libere e disprezzavano chi era contro gli interessi generali del Paese per far prevalere e salvaguardare i loro privilegi. Stiamo notando che le varie lobby (pubbliche o private, laiche o religiose, occulte o palesi, politiche o sindacali, professionali o industriali, le banche, il terziario, le assicurazioni, gli avvocati, i farmacisti i tassisti ecc,) stanno bloccando e rendendo inattivi i 13 provvedimenti varati precedentemente dal governo Monti.

NESSUN COMMENTO

Comments